F1 | Test Barcellona Day 3: in testa c’è Bottas ma Verstappen alza il piede. Bene Leclerc.

F1 | Test Barcellona Day 3: in testa c’è Bottas ma Verstappen alza il piede. Bene Leclerc.

28 Febbraio 2020 0 Di Nicola Cobucci

Conclusi i test per quanto riguarda la Formula 1 con Bottas che si riconferma il più veloce di giornata. Secondo Max Verstappen, terzo è Daniel Ricciardo con la Renault.

Il tempo delle parole è terminato, con esso anche i test. Nell’ultima giornata della seconda settimana si piazza in testa – ancora una volta – Valtteri Bottas. Il pilota finlandese ha fermato il cronometro sull’1.16:196 completando esattamente 77 giri. Dall’altra parte del box, invece, 90 giri per Lewis Hamilton con il quinto tempo. Non è stata però una giornata semplice per la Mercedes: la casa di Brackley, ancora una volta, ha evidenziato importanti problemi alla Power Unit che gli hanno impedito nel pomeriggio di effettuare, probabilmente a scopo precauzionale, simulazioni gara con Bottas. Qualche campanello d’allarme di troppo per i campioni del mondo in carica che si presentano a Melbourne sicuramente da favoriti, anche se con qualche incertezza di troppo sul punto dell’affidabilità. In seconda posizione c’è Max Verstappen. L’olandese, potenzialmente avrebbe ottenuto il giro più veloce ma, forse per scaramanzia, ha alzato il piede all’uscita dell’ultima curva proprio per non portarsi in testa. Tuttavia i giri effettuati per la Red Bull sono abbastanza pochi. Il 33 ha concluso solo 44 giri, senza provare il passo gara; Alex Albon invece, ultimo a 1.6 secondi dalla vetta, ha completato solo 59 giri. Terzo c’è Daniel Ricciardo, finalmente sorridente ai box. La sua Renault quest’anno sembra competitiva e potrebbe lottare per la quarta piazza. 80 millesimi di ritardo da Bottas e 65 giri totali rappresentano un ottimo bottino di giornata. Sesto è il suo compagno di squadra, Esteban Ocon, in pista al pomeriggio che ha completato 71 giri. Il miglior crono del pilota francese è distante solo un decimo e mezzo da Daniel Ricciardo.

In quarta posizione troviamo Charles Leclerc, tra i pochi piloti che ha girato per tutta la giornata. Il pilota monegasco è lo stakanovista di giornata con ben 177 giri portati a casa senza problemi. Nel pomeriggio ottima simulazione di gara piena, completando tre stint da 22 giri in cui la SF1000 ha mostrato un buon passo gara, molto costante e abbastanza veloce che vanno in senso opposto a quello che Binotto ha poi dichiarato. Qualche piccolo grattacapo è rappresentato forse dalla mancanza di velocità sul giro secco, ma solo Melbourne potrà dircelo. In settima posizione c’è la Racing Point del buon Sergio Perez, primo pilota in classifica ad aver ottenuto il giro con mescola C3, che ha completato la bellezza di 153 giri. Oggi si è smontato un po’ il caso sulla sua competitività: l’impressione è che possa rappresentare – al massimo – la quarta forza del campionato; infatti nelle simulazioni gara fatte oggi pagava in media un secondo al giro dalla Ferrari.

Ottava posizione per Carlos Sainz con 159 giri all’attivo. Per il pilota della McLaren una simulazione gara molto competitiva, più performante della Racing Point. C’è soddisfazione. Tanti giri per la Williams di George Russell e l’AlphaTauri di Daniil Kvyat, tanto lavoro sul passo gara. La casa di Grove sembra essere comunque il fanalino di coda della griglia, con la speranza che possa lottare più dello scorso anno, mentre la ex Toro Rosso sembra essere migliorata rispetto allo scorso anno e potrebbe combattere per la quarta posizione nel campionato costruttori. Deludenti per il momento sono di sicuro Alfa Romeo e Haas, con Kimi Raikkonen autore di una simulazione gara abbastanza disastrosa con la casa del Biscione che ha evidenziato gravi problemi di usura, mentre la vettura di Romain Grosjean sembra non essere minimamente competitiva.

Di seguito i tempi del Day 3:

+ posts