F1 | Le pagelle del Gran Premio del Belgio: Bentornato Ricciardo, notte fonda Ferrari.

F1 | Le pagelle del Gran Premio del Belgio: Bentornato Ricciardo, notte fonda Ferrari.

31 Agosto 2020 0 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 3 Minuti

Tempo di voti per i protagonisti del Gran Premio del Belgio. A Spa-Francorchamps Lewis Hamilton suona la sinfonia n°89 del suo repertorio. Alle sue spalle Valtteri Bottas e il solito Max Verstappen. Fuori dalla zona punti le due Ferrari, con Sebastian Vettel davanti a Charles Leclerc.

Lewis Hamilton 10: Il suo voto è scontato, ai suoi avversari lascia solo le briciole, ergo, il giro veloce che alla fine va a Daniel Ricciardo e gli impedisce di portarsi a casa il Grand Chelem. Astuto al via, dove all’uscita della Source rallenta di proposito in stile “ripartenza da Safety Car” per evitare a Bottas di fregargli la scia. La sua gara si riduce ad un semplice gestire. Vive in uno stato di grazia importante, è pronto a distruggere tutti i record.

Valtteri Bottas 7: Mai un acuto. I 5 decimi presi in qualifica sono importanti, almeno questa volta riesce a tenersi Verstappen alle spalle. Il fatto che, con un’astronave sotto il sedere, sia solo terzo nel mondiale, la dice lunga sul Valtteri Bottas che stiamo vedendo quest’anno. Non ci prova neanche.

Max Verstappen 7,5: Spa non è una pista Red Bull e lo si vede. In gara non fa il solito step, segno di una vettura troppo sbilanciata? Col senno di poi c’è il rimpianto per quei 15 millesimi che l’hanno separato dalla prima fila. Il pilota olandese il suo ce lo mette, sesto podio consecutivo e secondo posto nel mondiale. What else?

Daniel Ricciardo 9: Infiamma il finale di gara, conferma a tutti il suo valore. Gara importante, ci prova al via sul suo ex compagno di squadra con rispetto e la giusta aggressività. Dall’altro però trova una grande risposta. Possiamo dire con certezza che è stato uno dei pochi a farci divertire. Si prende quarto posto e giro veloce, con un occhio a Monza e al podio che manca da quasi due anni.

Esteban Ocon 8: Il super motore Renault gli dà una grossa mano nel finale. Lotta e riesce a portarsi a casa un’ottima quinta posizione, alle spalle del suo compagno di squadra. Sta iniziando ad ingranare e a ritrovare il ritmo.

Alex Albon 7: Ogni volta il team trova il modo per penalizzarlo. Unico pilota in pista ad aver effettuato 33 giri con gomme medie. Ovviamente soffre sul finale, resistendo finché può su un Ocon scatenato. Buona prestazione tutto sommato, sta crescendo.

Lando Norris 7: Voto che è uguale allo Scenario che non gli fanno sfruttare questa volta. Ed è uguale anche alla posizione all’arrivo. Forse ci si aspettava qualcosa in più sul finale, ma alla fine è una buona prestazione, che gli permette di riprendere Leclerc nella classifica piloti.

Pierre Gasly 8: Sfortunato quando gli si presenta la Safety Car. Unico a partire con le gomme dure, copiato poi da tutti nel secondo stint. Rimonta bene, con grinta e sicurezza, fino all’ottava posizione, mettendosi dietro le due Racing Point. In stato di grazia.

Lance Stroll 6,5: Nulla di eccezionale in questo weekend, la macchina inizia già a non rispondere più?

Sergio Perez 6: Il team si dimentica di lui lasciandolo in pista con le gomme rosse mentre tutti approfittano della Safety Car. Scivola in fondo e risale alle spalle del suo compagno di squadra. Il suo ce lo mette sempre.

Daniil Kvyat 6: Non ha il passo del compagno di squadra in questo momento, però riesce a metterselo alle spalle almeno in qualifica questa volta.

Kimi Raikkonen 7: Non per caso si chiama il Principe di Spa. Gara importante, primo motorizzato Ferrari al traguardo. Si toglie anche il lusso di superare Vettel. Quando guida così è una gioia per gli occhi. Bazzica anche in zona punti, gara che fa sicuramente morale.

View this post on Instagram

Was in Belgium.

A post shared by Kimi Räikkönen (@kimimatiasraikkonen) on

Piloti Ferrari S.V. : E che voto gli dai col cancello che guidano?

Antonio Giovinazzi 4: Errore banale del pilota italiano. Dimostra di non avere un buon rapporto con la pista belga. Peccato perché stava costruendo una buona gara.

Scuderia Ferrari 2: Una delle gare più indecenti della storia del team. Un consiglio: togliete quell’#Essere Ferrari. Perché al momento di Ferrari non c’è nulla.

+ posts