F1 | C’è la prima bozza del calendario 2021: 23 gare, nuova tappa in Arabia Saudita.

F1 | C’è la prima bozza del calendario 2021: 23 gare, nuova tappa in Arabia Saudita.

27 Ottobre 2020 2 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 2 Minuti

Durante l’incontro tra i boss del team di F1, il presidente della FIA Jean Todt e il management della Formula 1, a Portimao è stato discusso un calendario per la stagione 2021. Non esiste un piano B nel caso in cui la crisi dettata dal coronavirus continui.

La stagione della Formula 1 sta volgendo al termine. Il management della Formula 1 e la FIA hanno gestito la stagione con molta improvvisazione, disciplina e organizzazione quasi perfetta nonostante le circostanze più avverse. Il piano di emergenza ha salvato la classe regina e ha portato due nuovi circuiti (Mugello, Portimao) e tre ritorni al passato (Nurburgring, Imola, Istanbul).

La Formula 1 vuole tornare alla normalità nel 2021, anche se la prima parte della stagione potrebbe essere ancora influenzata dal Coronavirus. Il lunedì dopo il GP del Portogallo, i Team Principal dei dieci team si sono radunati a Portimao per un incontro durato circa sei ore.

C’erano anche alcuni proprietari delle scuderie, il presidente della FIA Jean Todt e i suoi generali, il vecchio e il nuovo management della Formula 1 con Chase Carey, Ross Brawn e Stefano Domenicali. Si è parlato di motori e piani di risparmio, del Budget Cap e delle nuove normative, ma anche del calendario per la stagione 2021.

Alle squadre è stata presentata una bozza di calendario che non tiene conto del fatto che il mondo di trovi ancora in una pandemia. Sono previsti in totale 23 Gran Premi, ovvero le 22 gare che sarebbero state nel programma originale del 2020 più una nuova gara in Arabia Saudita.

Dopo tre giorni di test invernali, il campionato dovrebbe iniziare il 21 marzo in Australia, seguito dal Bahrain una settimana dopo. Ciò esclude un passaggio diretto dai test invernali in Bahrain alla prima gara nello stesso posto. Il circuito di Barcellona è ancora in corsa come location per i test prestagionali.

La stagione dovrebbe poi continuare l’11 aprile in Cina. 14 giorni più tardi toccherebbe al Vietnam è all’ordine del giorno, anche se con un punto interrogativo. Il problema non sarebbe il Coronavirus, ma la politica statale. La stagione europea inizierebbe il 9 maggio in Spagna, seguita da Monte Carlo e Baku ogni due settimane.

A metà giugno, la Formula 1 farà un weekend a Montreal come al solito prima di tornare in Europa. Prima della pausa estiva dopo il 1° agosto, sono previsti altri quattro Gran Premi con Francia, Austria, Inghilterra e Ungheria.

Il resto del calendario non è ancora stato datato. In ogni caso, le squadre dovrebbero affrontare per almeno due volte tre weekend consecutivi. Il primo con Monza, Zandvoort e Spa. Il secondo con Singapore, Suzuka e Sochi. Come sempre, il gran finale si terrà ad Abu Dhabi a dicembre.

Rimane una domanda: come fa la Formula 1 a viaggiare per il mondo nonostante le restrizioni? A quanto pare la direzione di Londra ha la promessa di tutti i paesi che l’entourage potrà entrare a condizioni speciali se per allora non sarà stato trovato alcun vaccino. I test rapidi possono essere utilizzati per identificare le infezioni individualmente in qualsiasi momento.

Non esiste un piano B. Al momento è impossibile valutare se ciò possa essere implementato. Con 23 gare, la direzione della Formula 1 si è data abbastanza aria. Se dovessero esserci problemi da qualche parte, le gare possono essere omesse o, come quest’anno, possono essere sostituite da nuove destinazioni che hanno fame di Formula 1 e vogliono metterci un piede.

+ posts