F1 | Mattia Binotto: “Noi nel 2019 mai irregolari.”

F1 | Mattia Binotto: “Noi nel 2019 mai irregolari.”

30 Ottobre 2020 1 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 3 Minuti

Nel corso dell’intervista speciale dedicatagli da Sky Sport, Mattia Binotto ha risposto su alcuni temi interessanti, come l’accordo segreto con la Fia che ha portato ad una notevole perdita di potenza sul motore Ferrari. Il Team Principal della Scuderia di Maranello ha poi parlato della difficoltà di “scaricare” Sebastian Vettel e non ha risparmiato elogi a Charles Leclerc.

Sugli obiettivi per la prossima stagione.

“Per quanto riguarda la macchina non si possono fare miracoli. Realisticamente, la Ferrari non potrà lottare per il campionato nel 2021. L’anno prossimo dobbiamo tornare a lottare regolarmente per il podio. Questo è il nostro obiettivo”.

Sull’accordo con la Fia.

“Avrebbero comportato uno spreco di energie e costi da entrambe le parti. L’accordo consiste nel concentrarsi sul futuro e sull’aiutarsi a vicenda per capire le zone d’ombra. Siamo stati nella zona grigia per tutta la stagione 2019, fino all’inverno, quando è stata fatta una direttiva con il nostro aiuto che ha impedito di fare certe cose sulle Power Unit. Questo ha avuto un impatto su tutti, ma ci ha ferito più di altri come si può vedere ad oggi. L’accordo segreto è normale! Avremmo dovuto mostrare a tutti il ​​nostro motore e i nostri segreti? Non credo che nessuno lo abbia mai fatto in F1 e nessuno lo farà mai in futuro. La FIA non ci ha mai trovati a fare qualcosa di illegale altrimenti saremmo stati squalificati. E nessun avversario ha protestato. Se ci fosse stata una palese irregolarità mi sarei aspettato che protestasse un avversario.”

Sul cambio di regolamento che avverrà nel 2022.

“Sono convinto che sia il momento giusto per un importante cambiamento del regolamento tecnico. Oggi c’è un grande bisogno di rimescolare le carte. È una grande sfida. Speriamo di poterlo fare. inizia un nuovo ciclo per la Ferrari. Per aumentare lo spettacolo di questo sport servono anche nuove regole sportive, non solo tecniche. Ad esempio: personalmente mi piacciono le piste con la ghiaia come via di fuga, come abbiamo visto al Mugello, dove un pilota che sbaglia compromette la sua gara. La Formula 1 sta lavorando su questo aspetto “.

Sulla Mercedes e su Lewis Hamilton.

“Ci sono sempre stati circoli vincenti che hanno visto dominare una squadra, che poi è stata interrotta da modifiche ai regolamenti. Ma tra i vari cicli posso dire che quando la Ferrari ha dominato la scena della F1, è stato più emozionante. Tanto di cappello a Lewis Hamilton, al di là dei record, merita rispetto per quanto ha mostrato in pista […] Lewis è venuto a Maranello per acquistare Ferrari, dimostrando di avere buon gusto. Ha comprato le macchine giuste.”

Su Charles Leclerc.

“In questi momenti difficili, Charles non è mai stato critico. Sta maturando e vuole aiutare, contribuire e far crescere la squadra. Entusiasma gli appassionati, i tifosi e la squadra. Lo fa facendo segnare il tempo sul giro in qualifica, sorpassando, con il modo in cui si difende in pista. A Enzo Ferrari sarebbe piaciuto molto.”

Su Sebastian Vettel.

“Prima di chiamare Seb, ho ripetuto mentalmente tre volte cosa e come avrei dovuto dirgli della decisione. La scelta contro di lui non è stata facile, perché lo amiamo come persona, per come si comporta e per quello che ha dato alla squadra nel corso degli anni. Seb non ha riattaccato. È una persona molto intelligente e bella. Lo dimostra anche il suo comportamento in una stagione in cui le difficoltà non sono mancate. Non è mai negativo, è propositivo, è una persona di tutto rispetto. Ma arriva un momento in cui bisogna fare delle scelte guardando al futuro. Abbiamo il dovere e l’ambizione di dover guardare al medio e lungo termine ed è proprio su questi argomenti razionali che si trova la forza di fare determinate scelte.”

+ posts