F1 | George Russell: “È il peggiore errore della mia carriera.”

F1 | George Russell: “È il peggiore errore della mia carriera.”

2 Novembre 2020 0 Di Nicola Cobucci

George Russell ha accettato l’errore che ha commesso sotto regime di Safety Car che l’ha privato della possibilità di agguantare la sua prima Top 10.

Il giovane pilota della Williams ha commesso un errore clamoroso durante gli ultimi 13 giri del GP 2020 di Formula 1 dell’Emilia Romagna. Russell era decimo dopo l’entrata in pista della Safety Car causata dalla foratura di Max Verstappen, che ha lasciato la sua Red Bull bloccata nella ghiaia della Variante Villeneuve. Nel secondo giro alle spalle della vettura di sicurezza, a 12 dal traguardo, il britannico ha perso il controllo della sua FW43 mentre provava a scaldare le gomme e ha colpito il muro. Prima di scendere dall’auto si è scusato con la squadra.

Il ritiro per Russell non è altro che la 34esima gara in F1 senza raggiungere la top 10, il che lo colloca come il quarto pilota nella storia in questa particolare classifica. Solo Max Chilton (35), Charles Pic (39) e Luca Badoer (51) hanno fatto peggio.

“Stavo spingendo forte sin dall’inizio e sotto la Safety Car ho fatto di tutto per tenere le gomme in temperatura, cercando di trovare il limite. Non ci sono scuse. Ho attraversato un piccolo dosso quando ho cambiato marcia ed ero già nel muro prima di rendermene conto. È terribile”, ha detto Russell dopo la gara.

“Probabilmente ho commesso il peggior errore della mia carriera sportiva e fa ancora più male perché nelle categorie inferiori, se hai sbagliato e perso una gara, sai che la prossima saresti stato in grado di competere di nuovo.”

“La squadra ha fatto un lavoro incredibile in questo fine settimana e ci sono molti aspetti positivi da portare via da Imola. Eravamo in quella posizione perché eravamo molto, molto aggressivi. Abbiamo dato tutto e purtroppo è finita così.”

Il pilota inglese è riuscito quest’anno al Mugello a eguagliare il suo miglior risultato in F1 (11°), ottenuto anche in Germania nel 2019. Ma l’opportunità che ha avuto questa domenica sembra difficile da ripetere per un team come la Williams che è ancora impantanata in fondo alla classifica generale, con zero punti.

“Onestamente non potevo crederci, davvero. È stato un errore da principiante. Sono davvero frustrato e arrabbiato per questo. Ho passato momenti difficili nella mia carriera sportiva prima, ma mai come questo. Spero di aver imparato la lezione: queste macchine sono brutali e possono portarti fuori in qualsiasi momento, soprattutto con le basse temperature.

Russell assicura che impiegherà due giorni per riflettere su quanto accaduto e voltare pagina, e chiarisce di aver trovato la chiave nel setup per avvicinarsi all’Alfa Romeo e alla Haas.

“Sono fiducioso, perché abbiamo trovato il bandolo della matassa e abbiamo capito meglio la macchina nelle ultime due gare. Siamo in una buona posizione per lottare con le Alfa Romeo e la Haas e sfruttare le opportunità che altri ci presentano, come Vettel e Racing Point questo sabato.”

+ posts