F1 | Grosjean: “Che senso ha trasmettere i Team Radio in TV?”

F1 | Grosjean: “Che senso ha trasmettere i Team Radio in TV?”

10 Novembre 2020 0 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 1 Minuto

Romain Grosjean non è d’accordo sulla trasmissione televisiva dei team radio. Il francese crede che questa sia una violazione della privacy di ogni squadra e ricorda che quando tutti stanno guidando al limite, è molto difficile trovare le parole giuste.

 

Romain Grosjean non ci sta. Il pilota francese della Haas è convinto che le comunicazioni radio siano qualcosa tra squadra e pilota e critica il fatto che siano pubbliche, a differenza di altri sport. 

“Prima di tutto, perché vengono trasmessi i messaggi radio? I team radio provengono da ogni squadra, non mi piace che vengano trasmessi . Immagina cosa accadrebbe se le conversazioni tra i membri di ogni squadra di calcio fossero ascoltate “, ha detto Grosjean secondo Motorsport.com.

Il francese sostiene che essere chiari, concisi ed estremamente rispettosi quando si gareggia è davvero complicato, poiché tutti i piloti vanno al massimo e rischiano di spingere la propria vettura al limite. Il pilota Haas afferma che dal divano di casa tutto sembra molto più semplice.

“Non puoi sempre dire quello che pensi e devi rispettare le persone. Non siamo del tutto perfetti, io sono lontano dall’esserlo. Certo, devi metterti nei panni di qualcuno che sta guidando a più di 300 chilometri orari, andando al limite e consapevole di tutti i rischi che comporta. Non è come sedersi sul divano con un bicchiere di vino, lì sembra tutto più facile” , ha ricordato.

Infine, Grosjean si è messo nei panni di Lando Norris per i commenti fatti dal giovane britannico dopo la 92esima vittoria di Lewis Hamilton in Portogallo. Il francese riconosce che non è facile essere la stessa persona dentro l’auto come nella vita reale, ma è chiaro che in entrambi i posti devi stare molto attento a quello che dici.

“Mi piacerebbe essere alla radio trasparente e semplice come lo sono nella vita normale, ma nel mondo in cui viviamo devi stare molto attento a quello che dici e a come lo dici , è così che la società è adesso”, ha espresso il pilota francese per concludere.

+ posts