MotoGP | Clamoroso Marquez: rischia di saltare l’inizio della prossima stagione.

MotoGP | Clamoroso Marquez: rischia di saltare l’inizio della prossima stagione.

12 Novembre 2020 1 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 3 Minuti

Marc Marquez potrebbe dover affrontare un’ulteriore battuta d’arresto nei suoi sforzi per tornare in MotoGP per l’inizio della stagione 2021, secondo The Race, con la prospettiva di una terza operazione che potrebbe potenzialmente aggiungere mesi al suo tempo di recupero.

Il pilota della Honda si è gravemente rotto il braccio destro durante il Gran Premio di Spagna di apertura a Jerez quattro mesi fa, richiedendo un intervento chirurgico per installare una piastra in titanio sull’osso dell’omero. Successivamente, tentando di tornare in azione solo cinque giorni dopo, ha sollecitato il braccio destro a tal punto da aggravarlo in modo significativo, rendendo necessario un secondo intervento chirurgico e allungando la tempistica per il suo ritorno a mesi anziché giorni.

Marquez aveva inizialmente in mente di disputare almeno una tappa nel 2020, puntano su Portimao. Ma il suo team lo ha escluso all’inizio di questa settimana, confermando che si sarebbe fermato e ammettendo che “mirava”’ a tornare alle corse nel 2021. Questo perché il suo omero destro è stato lasciato in uno stato considerevolmente peggiore del previsto dopo due operazioni per installare piastre metalliche di supporto. Poiché ciascuno richiede numerosi fori da praticare nel braccio, si ritiene che l’osso sia stato strutturalmente compromesso dai ripetuti interventi chirurgici e Marquez sta ora affrontando la potenziale necessità di un innesto osseo, probabilmente con un pezzo rimosso dalla cresta iliaca del suo bacino.

Secondo un esperto medico di infortuni da motociclismo che è stato consultato da The Race, lo scenario che Marquez sta affrontando potrebbe essere una mancata unione della rottura del braccio, una condizione che si verifica quando un osso rotto non è in grado di guarire completamente senza intervento chirurgico.

“L’omero è biomeccanicamente molto sollecitato in rotazione e un motociclista è esposto a queste sollecitazioni”, ha spiegato il medico.

“Una frattura dell’omero può essere ulteriormente sollecitata da queste forze e deve essere ben bilanciata da un’eccellente stabilità meccanica quando viene installata una placca. La doppia esposizione chirurgica potrebbe aver rallentato la formazione di calli per la guarigione meccanica dell’omero, e se la guarigione ossea non si verifica, il corridore potrebbe provare dolore quando muove il gomito. Se il callo è insufficiente, la diagnosi clinica e radiografica viene classificata come pseudoartrosi omerale. A questo punto, oltre a inserire una nuova placca, è necessario rinforzare l’omero con midollo osseo prelevato dalla cresta iliaca con fattori di crescita del sangue, per aiutare la biologia dell’osso fratturato a guarire”.

In tal caso, Marquez dovrà affrontare un periodo di recupero significativamente più lungo di quanto inizialmente previsto dalla sua squadra. Se richiede un innesto osseo, è probabile che gli vengano prescritte almeno 12 settimane di movimento limitato con il braccio prima di iniziare un lungo periodo di riabilitazione e fisioterapia. Con il round di apertura della stagione 2021 della MotoGP ormai a sole 19 settimane (e il primo test dell’anno cinque settimane prima di allora) Marquez potrebbe ora affrontare una corsa contro il tempo.

Parlando ieri alla Gazzetta Dello Sport, il manager di Marquez Emilio Alzamora non ha negato le notizie di ulteriori complicazioni, affermando solo che la notizia sarebbe stata resa pubblica quando Marquez e la sua squadra sarebbero stati pronti a farlo. “C’è stato un comunicato stampa, e in ogni caso abbiamo già detto che ci sarebbero voluti due o tre mesi dopo la seconda operazione”, ha detto il campione del mondo 125cc diventato manager pilota.

“Tutti possono dire la loro, ma quando avremo qualcosa di nuovo da dire ne parleremo. Ora serve pazienza e aspettare. Se ci sono problemi è perché all’inizio le cose non andavano bene.” Si ritiene che le condizioni di Marquez – e la prospettiva di un ulteriore licenziamento – siano uno dei fattori che ha dissuaso il suo rivale per il titolo Andrea Dovizioso dal firmare un contratto di collaudatore per il prossimo anno. Confermando il suo anno sabbatico programmato per il 2021 martedì, Dovizioso ha ammesso che parte del motivo per cui ha rifiutato alcune delle offerte che gli sono state presentate era per poter rimanere libero. “Ho ricevuto diverse offerte per lavorare come collaudatore nello sviluppo di progetti MotoGP e sono grato per la considerazione ricevuta dai costruttori”, ha detto nella sua dichiarazione. “Tuttavia, ho deciso di non prendere alcun impegno e di rimanere libero da accordi formali per ora.”

+ posts