F1 | Vettel si dichiara: “Sarò sempre un tifoso della Ferrari.”

F1 | Vettel si dichiara: “Sarò sempre un tifoso della Ferrari.”

17 Novembre 2020 0 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 3 Minuti

Nel corso di una lunga intervista rilasciata al Corriere, Sebastian Vettel ha toccato vari tema. Ha parlato del suo mancato ritiro, fino alla firma del contratto con l’Aston Martin. Non sono mancate dichiarazioni d’amore nei confronti della Ferrari, nonostante a fine stagione il pilota tedesco si separerà dal team di Maranello.

Rosso Ferrari, rosa Racing Point o verde Aston Martin, qual è il colore del tuo umore?

“Bianco, nel senso che non posso definire il mio stato d’animo con un colore. So che alcune occasioni sono state perse, ma ci sono ancora poche gare da fare nel miglior modo possibile, e poi un’altra storia mi aspetta”.

Sembri un tipo emotivo ma questa è una risposta razionale..

“Ma sono razionale. Mi piace essere attaccato ai fatti. Tuttavia, mi sento emozionato quando una storia finisce.

Cosa ti ha dato la Ferrari in questi sei anni?

“Non è facile fare una lista come se fosse un bilancio economico. La Ferrari ha un posto speciale nel mio cuore. Michael rimane la più grande ispirazione della mia vita e l’ho visto vestito principalmente di rosso. Sono sempre stato innamorato della Ferrari, con la quale ho vissuto un’esperienza molto speciale. Non mi piace guardare indietro, ma dopo questo capitolo tendo a farlo un po’ di più.”

Quindi essere un tifoso della Ferrari a vita non è solo uno slogan.

“Per me è una cosa vera. Sono stato un tifoso della Ferrari da bambino, lo sono oggi. Lo rimarrà in futuro anche se saremo rivali/avversari. Do sempre il 100%, anche in momenti difficili come questo. Ogni anno, in ogni gara, ho imparato qualcosa. Poi ci sono state stagioni speciali come il 2015: la squadra era tutta nuova, il mio debutto in rosso, al primo GP ero sul podio, al secondo GP ho vinto. Nel 2017 la macchina era fantastica. È la mia Ferrari preferita. Il motore mancava un po’ in qualifica ma spesso eravamo davanti alla Mercedes. Ci sono stati alti e bassi ma tengo tutto in bilancio e non lo nego. Se dovessi ridurlo al numero di titoli, direi di sì, abbiamo fallito perché non abbiamo vinto il titolo mondiale. Ma ho vissuto momenti meravigliosi alla Ferrari. Ho incontrato persone bellissime, veri amici e per certi versi questa è la cosa più importante.”

Cosa porterai con te del periodo in Ferrari (anche materialmente)?

“L’oggetto più bello resta la Vespa che i meccanici mi hanno fatto come regalo di benvenuto nel 2015. Una sorpresa indimenticabile, un gesto prezioso.”

Stai per entrare a far parte del circolo Mercedes con l’obiettivo di guidare quell’auto?

“Dipende. Non ho altri dieci anni in F1, forse anche meno. Non mi vedo in F1 a quarant’anni, come Kimi. Nel frattempo ripartire con una vettura chiamata Aston Martin mi sembra già una grande sfida. E se mi chiedi se guiderei una Mercedes, beh, non c’è nessun pilota che ad oggi possa rispondere di no.

Saresti pronto a unirti alla Mercedes con Hamilton come compagno di squadra?

“Certo, perché no?”

E pensi che lui sarebbe pronto?

“Dovresti chiederglielo ma credo di sì, c’è rispetto tra noi!”

Chi lascia la Ferrari, difficilmente scrive un capitolo migliore dopo. Qual è il tuo piano per cambiarlo?

“Ma chi guida questi capitoli? Ho sempre avuto poco interesse a guidare me stesso da quando avevo 16 anni. Sono tranquillo: pronto a chiudere un capitolo e aprirne un altro!”

Quanto sei stato vicino al ritiro dopo che la Ferrari non ti ha rinnovato il contratto?

“Molto vicino ed era una possibilità che ho preso seriamente in considerazione. Ma sentivo di avere qualcosa da dare in F1, quindi ho accettato l’offerta dell’Aston Martin.”

Puoi dirci come sei stato contattato da Aston Martin?

“Oh, non è un segreto: nel paddock. Conosco Lawrence e Otmar da molti anni”.

Ti aspettavi una tale crescita da Charles Leclerc?

“Charles riesce a tirare fuori il massimo da questa vettura, ma quest’anno non c’è stato un grande salto di qualità: è sempre stato fortissimo, già con la Sauber!”

La Ferrari lascerà Sainz libero di combattere contro Charles il prossimo anno?

“Certamente! Ma forse questa è più una domanda per Mattia…”

Sei riuscito a dare a Mick Schumacher una piccola parte di quello che Michael ti ha dato?

Vettel: “Non so se sono stato così stimolante per lui come suo padre lo era per me, ma vorrei considerare Mick come Mick, e non come il figlio di Michael. Mi piace Mick, è un bravo ragazzo, lavora duramente per arrivare in F1 e secondo me se lo merita già. È bello che ci stia arrivando, e se ha bisogno di aiuto io ci sarò”.

Sul futuro della Formula 1 e su Stefano Domenicali.

“Spero che Stefano [Domenicali] abbia abbastanza potere per cambiare. È intelligente e ha una volontà indipendente. Il mondo sta cambiando. Anche la F1 deve cambiare e credo che i prossimi cinque-dieci anni saranno decisivi per il futuro del motorsport. Vorrei una tecnologia più facilmente trasferibile alle auto stradali e capace di migliorare la sostenibilità.”

+ posts