Pol Espargaró: “In Honda per diventare campione del mondo della MotoGP.”

Pol Espargaró: “In Honda per diventare campione del mondo della MotoGP.”

19 Gennaio 2021 0 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 3 Minuti

Il team Repsol Honda ha pubblicato un’ampia intervista al suo nuovo pilota per la stagione 2021, Pol Espargaró.

Più di sei mesi fa, HRC ha fatto una scommessa rischiosa ingaggiando Pol Espargaró per la squadra ufficiale prima di iniziare la stagione 2020 della MotoGP quando Alex Marquez non aveva nemmeno debuttato con i colori della compagnia petrolifera spagnola. 

La Honda ha iniziato a sfruttare il suo nuovo acquisto dal 1° gennaio e hanno deciso di sorprendere tutti, piazzando la sua nuova moto sul terrazzo della sua casa in Andorra al ritorno dagli allenamenti. Solo due settimane dopo, Polyccio ha rilasciato una lunga intervista alla sua nuova squadra per le prossime due stagioni. 

In esso riconosce che sta realizzando un sogno firmando per Repsol Honda, la squadra di maggior successo nel campionato. E lancia un avvertimento: non sarà il secondo pilota.

“L’obiettivo principale di questa stagione non può essere altro che salire sul podio, provare a vincere delle gare, o anche il titolo”, ha detto Pol. “Dobbiamo migliorare i nostri risultati rispetto allo scorso anno, ho avuto un buon anno, ma può essere migliore, e farò del mio meglio. Il primo anno non sarà facile, ma non sono venuto alla Repsol Honda per lottare per i primi sei posti in campionato ma per raggiungere l’obiettivo più alto della mia carriera, che è quello di essere campione del mondo MotoGP. Sicuramente questo obiettivo e le vittorie possono essere raggiunti qui.”

Clamoroso: Pol Espargaro sulla Honda ufficiale! - PeriodicoDaily Sport

Il catalano avrà dall’altra parte dei box – quando si riprenderà – il pilota di riferimento della categoria dal 2013, Marc Marquez , con cui ha condiviso già il box quando erano bambini e con cui ha combattuto per i titoli 125cc (2010) e Moto2 (2012).

“La condivisione di una squadra con Marc penso sia stata un’altra ragione per cui volevo unirmi a Repsol Honda. Ho combattuto con Marc nelle categorie inferiori per molti anni e mi sono divertito molto, sono cresciuto con lui combattendo gara dopo gara e questo ha creato il pilota che sono oggi. Quando combatti con uno dei migliori piloti al mondo tendi a migliorare molto più velocemente. Il modo migliore per farlo è essere accanto a qualcuno che è uguale o addirittura migliore di te. Voglio vedere il mio livello rispetto a Marc, che è senza dubbio uno dei migliori in griglia”, dice.

Il più giovane degli Espargaró non solo non ha paura che la RC213V non si adatti al suo stile di guida, nonostante la sua reputazione di “moto complicata”, ma crede che possa persino avvantaggiarlo.

La prime foto della Honda RC213V di Pol Espargaro - Motociclismo

“Ho visto questa moto molte volte in foto e video ed è piuttosto piccola. Puoi gestirla come preferisci, tende a muoversi un po’ di più, ma è il tipo di moto che mi piace. Tu conti molto su questo tipo di moto, sei tu che decidi cosa deve fare. A volte devi forzare la moto a fare cose che non vuole fare, ma è il mio modo di guidare. Mi piace frenare tardi e ho visto che tutti i piloti che sono saliti sulla Honda frenano molto tardi. È molto aggressiva e questo mi dà un vantaggio perché si avvicina al mio stile di guida.”

Verso i 30 anni – li compierà il 10 giugno – Pol crede che questa opportunità arrivi al momento giusto.

“Fin dall’inizio sono stato molto chiaro su dove volevo andare, dove avrei voluto essere e dove volevo vedermi per mettermi alla prova e vedere di cosa sono capace. Il modo migliore per farlo è essere nella migliore squadra del mondo, con la migliore moto del mondo e accanto al miglior pilota del mondo. Penso di essere arrivato al team Repsol Honda nel momento più bello della mia carriera. Essere dove vuoi essere, al momento giusto, significa realizzare un sogno, e quindi lo sto realizzando”.

“Ho visto i migliori piloti del mondo vincere titoli e gare per molti anni con questi colori, significano gloria per me. Significa che hai tutto nelle tue mani, per essere dove ogni pilota vuole avere successo e finire. Quando ho corso in 125cc, Moto2 e anche in MotoGP, questa squadra è salita sul podio praticamente in ogni gara. Vedere questi colori insieme al tuo numero è incredibile. È qualcosa di super speciale”, ha concluso.

+ posts