Vinales: “Occhio a Miller, può essere la sorpresa.”

Vinales: “Occhio a Miller, può essere la sorpresa.”

3 Febbraio 2021 0 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 2 Minuti

Maverick Viñales indica Jack Miller come una possibile sorpresa nel 2021, a maggior ragione dopo la firma per il team ufficiale Ducati.

L’australiano sarà il terzo pilota del Paese ad entrare a far parte del team ufficiale dopo Troy Bayliss (2003-2004) e Casey Stoner (2007-2010), che finora è stato l’unico capace di vincere il titolo della MotoGP vestito di rosso.

Il marchio di Borgo Panigale ha optato per l’oceanico in sostituzione di Danilo Petrucci per il suo team ufficiale ancor prima dell’inizio della stagione 2020 – la terza con il team satellite Pramac – anche se gli ultimi due con una moto ufficiale.

Miller è arrivato settimo in campionato nel 2020, a 7 punti dal terzo. Il pilota di Townsville ha concluso la stagione al top della forma. Nelle sue sei stagioni in MotoGP, lo storico di Miller comprende già nove podi e una vittoria ad Assen nel 2016. Il 26enne continuerà a condividere la squadra con Pecco Bagnaia.

Maverick Viñales, con il quale mantiene una buona amicizia fuori dai circuiti, lo indica come uno dei possibili candidati al titolo nel 2021.

“Credo che le maggiori difficoltà provengano dalla mano di Ducati” ha dichiarato Viñales in un’intervista con Moto.it . “Quando ho lottato con loro è sempre stato molto difficile batterli. Penso che Miller sarà la vera sorpresa quest’anno”.

Il pilota di Roses, affronterà la sua quinta stagione in Yamaha dopo un 2020 deludente, in cui i problemi al motore della M1 hanno creato qualche grattacapo di troppo al team. “Dopo le pause di inizio campionato abbiamo dovuto diminuire molto la potenza. Abbiamo dovuto fare 14 gare con due motori. Da lì è stato molto difficile lottare con gli altri”, spiega.

Viñales farà il suo debutto con Fabio Quartararo come compagno di squadra e la maggior parte della responsabilità per lo sviluppo della moto ricadrà su entrambi. Il numero 12 spera di lavorare a stretto contatto con lui.

“Abbiamo passato molto tempo insieme quest’anno. C’è un buon rapporto, siamo due giovani piloti e abbiamo molto in comune. E penso che sarà un bene anche per la Yamaha. È troppo presto per dire se con Fabio andremo nella stessa direzione dello sviluppo, sarà un problema della Yamaha, noi piloti possiamo solo pensare a tirare fuori il meglio dal materiale che abbiamo “, ha concluso.

+ posts