Clamoroso Domenicali: “Stiamo valutando la Sprint Race al sabato.”

Clamoroso Domenicali: “Stiamo valutando la Sprint Race al sabato.”

4 Febbraio 2021 1 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 2 Minuti

La Formula 1 sta prendendo in considerazione le prove di un formato di Sprint Race al sabato nel 2021. Il CEO Stefano Domenicali ha rivelato che i piani per un evento di qualificazione con griglia inversa sono stati completamente accantonati.

L’anno scorso, la F1 ha discusso la possibilità di sperimentare alcune gare in griglia inversa di sabato nel tentativo di ravvivare lo spettacolo in determinati luoghi. Ma i piani non sono riusciti a ottenere il pieno supporto delle squadre, con la Mercedes – più di tutte – contraria alla proposta.

Domenicali ha confermato che, mentre la F1 deve essere aperta a nuove idee per mantenere i fan coinvolti, è chiaro che le griglie inverse non sono più un’opzione.

A Motorsport.com Domenicali ha dichiarato: “L’idea della griglia inversa è superata. È importante pensare magari a nuove idee per essere più attraenti o interessanti, ma non dobbiamo perdere l’approccio tradizionale alle corse.”

“Penso che quello che abbiamo imparato quando stavamo cambiando le qualifiche ogni due giorni fosse qualcosa che ci ha bruciato le dita. Quindi dobbiamo evitarlo e penso che il formato sia abbastanza stabile.”

Pur escludendo qualsiasi possibilità di gare in griglia inversa, Domenicali ha detto che la Formula 1 sta valutando la possibilità di provare un formato di Sprint Race al sabato per vedere se può funzionare.

“Quello che stiamo guardando è quale potrebbe essere l’approccio della cosiddetta gara sprint di sabato”, ha spiegato. “Stiamo cercando di capire se questo potrebbe essere testato già quest’anno. Ci sono discussioni in corso con i team e penso che forse questa potrebbe essere l’unica cosa che potrebbe essere interessante “.

Risultato immagini per domenicali 2020

Domenicali suggerisce anche che la F1 dovrebbe provare a escogitare un formato che mostri meglio i nuovi piloti, che sono rimasti senza molte opportunità per correre con test così limitati.

“Dobbiamo prestare ancora una volta attenzione ai rookie, i veri esordienti”, ha detto. “Oggi, con il fatto che abbiamo meno test, dovremmo dare una maggiore possibilità di correre non solo nelle prove libere, come già scritto nel regolamento. Forse possiamo creare buoni eventi, evidenziando il fatto che dobbiamo focalizzare l’attenzione sui debuttanti. Abbiamo un ottimo numero di giovani piloti che sono già in Formula 1, ma non possiamo fermare questo flusso.”

+ posts