Domenicali apre ad un Gran Premio in Africa e rilancia su Miami.

Domenicali apre ad un Gran Premio in Africa e rilancia su Miami.

5 Febbraio 2021 1 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 2 Minuti

I futuri calendari della Formula 1 potrebbero includere un ritorno in Africa per la prima volta dal 1993. È quello che afferma il nuovo CEO, Stefano Domenicali.

Il campionato non ha perso la speranza di correre a Miami e in Vietnam, nonostante varie battute d’arresto. Si è parlato del Gran Premio di Miami per la prima volta nel 2018, ma la proposta è stata perseguitata da problemi, tra cui una significativa opposizione locale. Tuttavia Domenicali desidera aggiungere la sede come secondo evento statunitense insieme ad Austin.

“La nostra strategia in futuro sarà quella di essere più presenti negli Stati Uniti con più di un Gran Premio. Austin è stata molto importante negli ultimi anni e lo sarà anche in futuro. Stiamo discutendo con loro il rinnovo dell’accordo.”

Su Miami: “C’è un grande interesse da entrambe le parti a essere presenti.”

Il progetto del Vietnam è progredito ulteriormente. É stato costruito un circuito ad Hanoi per organizzare una gara nell’aprile dello scorso anno. Ma tutto è saltato a causa della pandemia.

“Il Vietnam non è più nel calendario, ma è ancora un’opzione aperta”, ha detto Domenicali. “È stato un investimento incredibile e quindi è ancora sul tavolo di discussione per un evento futuro.”

Altri potenziali promotori di gare hanno espresso interesse per la Formula 1. “Nord Africa [e] Sud Africa, è quello che posso dire. Questo è qualcosa di molto importante, soprattutto se dovesse tornare un vecchio circuito.” Quest’ultima frase si riferisce probabilmente al circuito di Kyalami, in Sud Africa, che ha ospitato 20 round del campionato del mondo, l’ultimo nel 1993.

+ posts