Nikita Mazepin correrà come pilota neutrale per le prossime due stagioni.

Nikita Mazepin correrà come pilota neutrale per le prossime due stagioni.

6 Febbraio 2021 0 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 3 Minuti

Nikita Mazepin correrà sotto una bandiera neutrale per i prossimi due anni, dopo la conferma che la sentenza anti-doping emanata contro la Russia si estenderà anche alla Formula 1.

La Corte di Arbitrato per lo Sport (CAS) ha annunciato a dicembre di aver confermato il divieto alla Russia di competere in eventi sportivi di campionato del mondo, relativi al doping sponsorizzato dallo Stato e agli insabbiamenti relativi alle Olimpiadi invernali di Sochi del 2014.

La CAS ha confermato di aver ridotto a due anni il divieto di quattro anni proposto dall’Agenzia mondiale antidoping (WADA). A seguito della sentenza, non ci sarà una squadra russa dedicata nei prossimi Giochi Olimpici o nei mondiali di calcio nel 2022.

La Federazione automobilistica russa ha annunciato di aver ricevuto chiarimenti dalla FIA in merito alla sentenza CAS di questa settimana. La sentenza avrà un impatto sui piloti che gareggeranno nel mondiale. Ciò significa che Mazepin non potrà correre sotto la bandiera russa per le prossime due stagioni.

Ai piloti russi in tutti i campionati mondiali della FIA – inclusi Formula E, WRC, WEC e WRX – sarà inoltre vietato l’uso di emblemi, bandiere o simboli nazionali, nonché la parola “Russia” o “Russo”.

I piloti potranno definirsi “atleta neutrale dalla Russia” o essere elencati come “Russia. Atleta neutrale” e usare la parola “Russia” su qualsiasi capo di abbigliamento purché sia ​​data uguale importanza a  “atleta neutrale”.

Possono anche usare l’acronimo RAF, che sta per “Russian Automobile Federation”, e possono ancora usare i colori della bandiera russa. La decisione vieta anche la riproduzione dell’inno nazionale russo agli eventi FIA. Non verrà suonato prima del Gran Premio di Sochi, né per qualsiasi vittoria russa.

Agli spettatori sarà comunque consentito portare le bandiere russe nelle competizioni ufficiali della FIA. Allo stesso tempo, i funzionari russi sono ancora autorizzati a partecipare agli eventi sportivi. Il presidente Vladimir Putin è stato ospite fisso della gara di F1 a Sochi da quando è stata aggiunta al calendario nel 2014.

Sembrerebbe che Robert Shwartzman sarà autorizzato a correre sotto la bandiera russa in Formula 2 , in quanto non è un campionato mondiale FIA. La decisione del CAS è valida fino al 16 dicembre 2022.

+ posts