Davvero Lewis Hamilton non voleva tornare in pista a Monza per protesta?

Davvero Lewis Hamilton non voleva tornare in pista a Monza per protesta?

10 Febbraio 2021 0 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 1 Minuto

Garry Connelly ha rivelato i dettagli dello scambio di battute tra Lewis Hamilton e la FIA a seguito della penalità ricevuta durante il GP d’Italia dello scorso anno.

Ricordate il Gran Premio d’Italia di quest’anno? Bene. Ricordate che al tempo si parlò di un Hamilton che – per protesta – non voleva tornare in pista? Hamilton era in testa alla gara di Monza quando la Haas di Kevin Magnussen si è fermata in pista tra la Parabolica e la pit-lane, innescando una Safety Car.

Hamilton è stato chiamato per una sosta, ma sia lui che il suo team non sono riusciti a notare che l’ingresso ai box era chiuso. Successivamente ha ricevuto una penalità stop-and-go.

È poi stata esposta la bandiera rossa a causa dell’incidente di Charles Leclerc. In quel frangente, Lewis Hamilton è andato a parlare con gli steward per scoprire perché era stato penalizzato.

“Lewis Hamilton è entrato in pit-lane”, ha dichiarato Garry Connelly, race steward della Formula 1. “Una volta stabilito chiaramente che la pit-lane era chiusa e che i pannelli luminosi – due dei quali all’ingresso della pit-lane – mostravano chiaramente la croce per mostrare che la pit-lane era chiusa, abbiamo fatto riferimento all’apposito regolamento.”

Risultato immagini per lewis hamilton monza 2020
Hamilton mentre effettuava lo Stop and Go.

“Lewis è saltato sul suo monopattino durante l’interruzione della gara ed è venuto a trovarci. È stato estremamente gentile. E ha detto solo, ‘Ragazzi, potete dirmi perché sono stato penalizzato?’ E abbiamo risposto: “Sì, perché sei entrato nella pit-lane quando era chiusa”. Ha detto: “Puoi mostrarmelo?”

“Gli abbiamo mostrato l’onboard. E proprio di fronte a lui c’era la spia del primo pannello, e poi di nuovo, il secondo pannello.” E lui ha detto: ‘Oh, okay. Lo accetto, ma perché una punizione così dura?’ Gli abbiamo spiegato:” Purtroppo Lewis, è una penalità obbligatoria. E non abbiamo altra scelta che infliggerti questa penalità.”

“Non era assolutamente contento di questo, ma Lewis lo ha accettato ed è stato estremamente gentile, come l’ho sempre trovato, ha lasciato la stanza ed è tornato indietro.”

Smentite dopo tempo, le voci che volevano Lewis Hamilton non scendere in pista per protesta.

+ posts