F1| Qualifica Montecarlo – Leclerc in pole position con un finale thriller.

F1| Qualifica Montecarlo – Leclerc in pole position con un finale thriller.

22 Maggio 2021 5 Di Nicola Sotgia

Dopo aver mostrato i muscoli durante tutto il weekend, il giovane Monegasco ha conquistato l’ottava partenza al palo della sua carriera. Pole position dal sapore dolce e amaro, dato che a pochi secondi dalla fine è stato vittima di un incidente alle piscine. A completare la top-3 ci sono Verstappen e Valtteri Bottas. Quarta l’altra Ferrari di Sainz, mentre Hamilton partirà solo settimo.

Qualifiche emozionanti e spettacolari, quelle che si sono svolte quest’oggi a Montecarlo. A conquistare la pole position ci ha pensato il pilota di casa Leclerc, rendendosi protagonista di un finale assolutamente thriller. Il Ferrarista, dopo aver siglato il giro più veloce della Q3, è infatti andato a muro: toccata del guard rail alle piscine, conseguente bandiera rossa e fine dello spettacolo. Alle sue spalle si è piazzato un “deluso” Max Verstappen. L’Olandese volante ha preceduto la Mercedes del Finnico Bottas, mentre il rivale Hamilton ha completamente steccato. Lewis ha colto solamente la settima posizione, cosa che renderà difficile la sua gara.

Q1: Clamorosa eliminazione di Alonso.

Al via delle “ostilità”, il primo a far segnare un crono è stato George Russell. Il pilota della Williams ha stoppato il cronometro sull’ 1:17:580. A seguire Mazepin (1:14:728) e Raikkonen (1:14:091). L’Italiano Antonio Giovinazzi non si è certamente risparmiato, stampando un 1:13:429, tempo che gli è valso la provvisoria prima posizione.

Lando Norris, sempre arrembante ed intraprendente, ha fermato il cronometro sull’ 1:12:676. Il giovane Inglese ha da subito messo in evidenza la differenza con il suo compagno Ricciardo (1:13:389 al primo tentativo). Buona Q1 anche per Gasly, che ha messo a referto un 1:12:867 nei primi minuti.

Sale in cattedra anche la Ferrari, con Sainz e Leclerc letteralmente scatenati. Nei minuti iniziali, il Monegasco ha stampato un tempo di 1:11:550. L’Iberico non è stato certamente di meno, facendo segnare il tempo di 1:11:341.

A cinque minuti dalla fine, la situazione esclusioni era dunque questa: Alonso sedicesimo, Ocon diciassettesimo, Latifi diciannovesimo e Mazepin ventesimo. Russell si è subito scansato dai guai, refertando un 1:12:075. A seguire le orme del Britannico è stato Ocon, che con l’1:12:125 si è portato in zona sicurezza. Salve tutte e due le Alfa Romeo. Ad essere esclusi sono stati dunque: Tsunoda, Alonso, Latifi e Mazepin.

Foto F1.com (tutti i diritti vanno a Formula One Limited)

Q2: Eliminazione per Ricciardo ed Esteban Ocon.

Al semaforo verde, i primi a scendere in pista sono stati Raikkonen e Stroll. Il primo ha fatto segnare un 1:12:018, mentre il Canadese ha fermato il tempo sull’1:11:876. Non male Sebastian Vettel, che a conferma del buon potenziale stampa subito il tempo di 1:11:759. Anche il Messicano Pérez segna un discreto crono, un 1:11:040 che però lo colloca distante dal compagno di squadra.

Già, perché Max Verstappen sigla un 1:10:650, prendendosi la testa della classifica. Le due Ferrari non ci stanno, così Leclerc stampa l’1:10:597 che gli vale il miglior crono. Sainz si piazza alle sue spalle, con un tempo di 1:10:806.

Notte fonda per Lewis Hamilton. Il sette volte Campione del Mondo stoppa il cronometro sul’1:11:116, denotando il momento poco felice. Il suo Team mate fa meglio di lui, terminando la sessione a soli 98 millesimi dal Monegasco.

Gasly, con la sua unica Alpha Tauri in pista, riesce a mettersi in salvo dalla “tagliola”. Il Transalpino segna un 1:11:310, fuggendo dai pericoli. Purtroppo per lui, il connazionale Ocon non riesce ad emularlo. Esteban, fra traffico e una Alpine poco in forma, si piazza undicesimo. Davanti a lui c’è Giovinazzi, che dopo Turchia 2020 si qualifica in Q3. Male anche Daniel Ricciardo, dodicesimo e lontano anni luce da Lando Norris.

Gli eliminati sono: Ocon, Ricciardo,Stroll, Raikkonen e Russell.

Foto F1.com (tutti i diritti vanno a Formula One Limited)

Q3: Pole position dolce e amara per Charles Leclerc.

Super spettacolare anche la Q3. Al via dei semafori, il primo ad uscire è stato Max Verstappen. L’Olandese ha stampato subito stampato un crono di 1:10:576, precedendo Bottas (1:10:636) e Sainz (1:10:611). Il pilota Red Bull nulla ha potuto contro Charles, che con il suo 1:10:346 si è issato al comando. Male Hamilton (1:11:095) e Pérez (1:11:687). Bene Lando Norris, che si è confermato in stato di grazia. Il pilota McLaren si è piazzato nelle parti nobili della graduatoria, stampando un 1:10:807.

Al secondo tentativo, Max ha steccato. Il giovane “torello” non ha infatti potuto insidiare la prima posizione di Leclerc. Nonostante abbia provato a migliorarsi, nemmeno Hamilton è riuscito a farlo. Per il Campione della Mercedes è stata una giornata veramente da incubo. A pochi secondi dalla fine, Charles ha sbattuto contro le barriere delle piscine, rompendo il braccetto della sospensione e danneggiando l’ala anteriore. Tutto ciò ha causato la bandiera rossa, decretando dunque la fine dei giochi.

Se da una parte c’è felicità, dall’altra c’è preoccupazione. Già, perché in Ferrari dovranno controllare tutte le parti meccaniche, soprattutto il cambio. Se quest’ultimo risultasse danneggiato, il Monegasco incorrerebbe in una penalità. Di seguito la classifica finale:

Foto F1.com (tutti i diritti vanno a Formula One Limited)
Website | + posts

Appassionato della Formula 1 dei bei tempi.
Sempre al passo del Mondo d'oggi.