La Formula 2 può vantare rookie di alto livello

La Formula 2 può vantare rookie di alto livello

1 Giugno 2021 0 Di Anna Botton

Conta davvero l’esperienza di un pilota per ottenere risultati? In Formula 2 sembra proprio di no a giudicare dai rookie.

Siamo nella settimana che conduce al terzo appuntamento della Formula 2, ma rianalizzando quelli precedenti, non possiamo fare a meno di notare un fattore comune: i rookie di qualità. Più che nelle altre categorie, i debuttanti stanno dimostrando di avere una marcia in più, di essersi ambientati rapidamente tanto da surclassare i veterani.

Chi in questi anni ha seguito le categorie minori era consapevole del talento di questi ragazzi. Forse il vederli lottare per le alte posizioni ha sorpreso un po’ tutti… o quasi.

Un loro collega veterano era certo che l’esperienza non avrebbe giocato un ruolo fondamentale. Ralph Boschung, pilota del team Campos, durante un’intervista in vista del gran premio di Monaco, ha così dichiarato:

“Come mi aspettavo, i rookie hanno fatto un ottimo lavoro. Onestamente penso che solo nelle prove libere si potesse avere un leggero vantaggio in termini di esperienza.”

Il veterano della Campos Racing, uno dei pochi ad aver guidato a Monte Carlo in precedenza, ha così continuato: “Non importa se hai esperienza o meno. Sicuramente è un aiuto, ma i piloti sono ad un livello così alto che è difficile fare la differenza”.

Théo Pourchaire, Oscar Piastri e Liam Lawson sono i rookie che più di tutti stanno impressionando in questo inizio di stagione.

Théo Pourchaire

Il giovane francese ha incoronato il debutto con la pole position e la vittoria in Feature Race, diventando così il più giovane pilota a vincere in Formula 2. Theo Pourchaire è un gran lavoratore, con la mentalità da campione: una stella promettente che splende sotto gli occhi di tutti, in particolare della Sauber Academy. Brilla così tanto che non ci stupirebbe vederlo gareggiare in Formula 1 in futuro. Intanto lui resta concentrato sul presente: piedi per terra, tanto lavoro… e noi a bocca aperta.

Oscar Piastri

Come già accennato, un altro rookie che sta brillando in Formula 2 è Oscar Piastri. Il vincitore del campionato di Formula 3 2020, al debutto in categoria sta togliendo la scena al suo compagno Shwartzman: dopo un weekend in Bahrain in cui ci ha folgorato con la sua vittoria in Gara 2, a Monaco ha confermato il suo talento aggiudicandosi due secondi posti rispettivamente in gara 2 e Feature Race. Osservato speciale in casa Alpine, è un pilota continuo e in crescita: saprà essere costante in questa stagione?

Liam Lawson

Il rookie della Hitech Grand Prix ci sta lasciando senza parole, soprattutto dopo il gran premio di Monaco. Se già in Bahrain con una vittoria ed un terzo posto ha messo in luce il suo talento, lo scorso gran premio abbiamo assistito ad un capolavoro (a malincuore cancellato dalla FIA). Lawson è un giovane di grande talento: di questo passo potrebbe mantenere gli alti livelli degli anni precedenti, ovviamente con migliorie.

Come abbiamo visto, questa stagione di Formula 2 vede, per il momento, i rookie all’inseguimento del titolo.

Per vincere ci vuole talento; per ripetersi ci vuole carattere.
(John Wooden)

Appuntamento a Baku per scoprire se si ripeteranno o, invece, cederanno la scena ai veterani che scalpitano.

Website | + posts