Hamilton duro: “Ho grande rispetto per Max, ma non credo sia ricambiato”

Hamilton duro: “Ho grande rispetto per Max, ma non credo sia ricambiato”

29 Luglio 2021 0 Di Daniele Donzelli

Andiamo a vedere le dichiarazioni più interessanti della conferenza stampa del GP d’Ungheria, dove si è continuato a parlare dell’incidente tra Hamilton e Verstappen.

Come ogni giovedì che precede il weekend di gara, oggi si è tenuta la conferenza stampa del Gran Premio d’Ungheria, che si disputerà all’Hungaroring.

Tra i vari temi del momento spicca la collisione tra i rivali per il titolo mondiale. Nonostante siano passati più di 10 giorni, continuano ad essere spese numerose considerazioni a riguardo.

Incidente Hamilton-Verstappen

Le parole di Max

Max ha spiegato inizialmente le sue condizioni fisiche, che sembrano essere buone:

“Sto bene. Ovviamente i primi giorni dopo l’incidente ero abbastanza dolorante, ma poi la situazione è migliorata ed ora sono pronto per correre”.

L’olandese è poi tornato a parlare del contatto del GP della Gran Bretagna, continuando ad assolversi completamente:

“Stavamo spingendo al massimo e quella è una curva che si affronta ad una gran velocità. Lui ha provato a superarmi all’interno ed io, ovviamente, ho cercato di rendergli difficile la manovra lasciandogli però lo spazio. Non capisco come i commissari abbiano potuto addossarmi una parte di responsabilità per l’incidente”.

Verstappen ha inoltre ribadito la sua opinione sulla penalità, ritenuta poco severa ed ininlfluente:

“La penalità avrebbe dovuto essere molto più severa. Ha mandato fuori il principale rivale per il campionato e le vetture dei due team sono solitamente 40 o 50 secondi più veloci delle vetture di metà schieramento in condizioni normali. Una penalità di 10 secondi non ha cambiato nulla”.

I commissari, però, hanno già spiegato di considerare la dinamica di un incidente, più che le conseguenze.

Max ha anche confermato le voci che parlavano di una telefonata con Lewis, ma senza rivelare i dettagli.

Infine, l’olandese ha lanciato una frecciatina alla Mercedes, spiegando che il fatto che la Mercedes abbia festeggiato con vigore “mostra come sono veramente”.

Le parole di Lewis

Hamilton ha risposto ai commenti di Verstappen e della Red Bull sui festeggiamenti considerati “irrispettosi”:

“Non c’è molto da aggiungere. Come ho già detto, non ero a conoscenza della situazione di Max. Ho visto sullo schermo che era sceso dalla macchina e sembrava a posto, poi mi è stato detto che stava bene, quelle erano le informazioni che avevo fino a quando sui media è apparsa la notizia che era stato portato per dei check in ospedale.

Non credo che il nostro comportamento sia stato irrispettoso.

Il britannico, che più volte ha spiegato di avere niente da aggiungere, ha sottolineato il fatto che lui rifarebbe la manovra:

“In termini di manovra, lo rifarei. Tutta la mia esperienza maturata nel corso degli anni dice molto… non cambierei nulla”.

E l’ha dimostrato il sorpasso su Leclerc, proprio alla Copse.

Neanche Lewis si è risparmiato la frecciatina:

“Ho chiamato Max dopo la gara per verificare che stesse bene e fargli sapere che ho grande rispetto, ma non credo sia ancora ricambiato”.

L’occasione della Ferrari

Un altro tema caldo è quello della possibile occasione della Rossa, viste anche le caratteristiche simili a Monaco. I piloti, però, hanno già detto di considerare ottimistica questa possibilità.

Le parole di Leclerc

Per Charles è stato difficile smaltire la delusione per la mancata vittoria a Silverstone, ma lottare per ottenerla è stato comunque un aspetto molto positivo del weekend inglese:

“Ci sono stati molti altri aspetti positivi, ad iniziare dall’aver disputato una corsa sul ritmo della Mercedes, soprattutto nel primo stint, mentre la seconda parte di gara si è confermata più in linea con le nostre aspettative. Ma tutto sommato è stato un fine settimana molto, molto positivo per noi”.

Poi il monegasco ha parlato della speranza di vittoria dei ferraristi, continuando a rimanere cauto:

“Non so, sento che potrà essere un buon weekend per noi, ma non credo che saremo allo stesso livello di prestazioni che abbiamo visto a Monaco. Mi aspetto che potremo confermarci in vetta al gruppo di centro classifica, alla fine è la battaglia realistica che stiamo combattendo in questa stagione”.

Leclerc ha anche dato un’opinione sul circuito, che ritiene difficile e dove non si è mai espresso al meglio:

“È molto difficile, molto tecnica, richiede una guida molto pulita e io tendo ad essere più aggressivo. In passato ho lottato sempre un po’ di più rispetto ai vari compagni di squadra che ho avuto, ma lavorerò cercando di ottimizzare il più possibile questo fine settimana”.

Le parole di Sainz

A differenza del suo compagno di squadra, Carlos ha spiegato di trovarsi bene in terra ungherese:

“Mi piace [questa pista]. Forse è una coincidenza, ma su questa pista in passato sono sempre stato in zona punti. Non mi reputo un maestro di questa pista, probabilmente ho sempre avuto a disposizione delle monoposto che prediligevano circuiti meno sensibili alla potenza, e di conseguenza i risultati qui sono stati migliori rispetto ad altre piste”.

Il caldo spesso aiuta la Ferrari nella gestione gomme. Lo spagnolo ha speso qualche parola a riguardo:

“In vista di questo weekend il meteo sembra essere una variabile interessante, si prevede un gran caldo e questo aspetto potrebbe influenzare il bilanciamento della vettura. 

Siamo coscienti di aver avuto delle difficoltà in certe condizioni, ma se farà caldo come a Silverstone e in Austria credo che potremo essere più tranquilli. Ogni volta che fa freddo e ogni volta che l’equilibrio della monoposto si sposta verso l’asse posteriore, si evidenziano maggiormente i nostri limiti. Questo weekend le condizioni ambientali e della pista non dovrebbero rappresentare un problema”.

Sainz ha parlato anche della rivalità con la McLaren, considerata non prioritaria:

“Non siamo davvero ossessionati dalla lotta con la McLaren, ma siamo completamente concentrati sul cercare di migliorare e cercare di essere la migliore squadra che possiamo essere prima della fine della stagione”.

Il compleanno di Alonso

Oggi, 29 luglio 2021, è il giorno del 40° compleanno di Fernando, che è stato festeggiato anche dal rivale Vettel, con lui in conferenza stampa, con trombetta e coriandoli.

Quando gli è stato domandato se si aspettava di correre a quest’età al momeneto del suo debutto in Formula 1 (2001), lo spagnolo ha risposto con le seguenti parole:

Probabilmente no. Quando sei giovane vivi solo il presente, non pensi molto al futuro. Sei sempre concentrato sul weekend di gara e difficilmente pensi a come proseguirà la tua carriera negli anni successivi“.

Tutte le dichiarazioni sono state prese da it.motorsport.com.

+ posts