La scelta di Pirelli per il Gran Premio d’Italia

La scelta di Pirelli per il Gran Premio d’Italia

9 Settembre 2021 1 Di Nicola Cobucci

Per la gara di casa Pirelli – su uno dei tracciati più veloci della stagione – sono state scelte le tre mescole al centro della gamma: il trio più gettonato della stagione.

La scelta di Pirelli per il Gran Premio d'Italia: Per la gara di casa Pirelli – su uno dei tracciati più veloci della stagione – sono state...

Le stesse mescole sono state selezionate negli ultimi due anni a Monza, offrendo un buon equilibrio per tutte le diverse esigenze del Gran Premio d’Italia. Monza è la seconda gara di quest’anno che ospiterà il nuovo format della Sprint Qualyfing, introdotto nel Gran Premio di Gran Bretagna a luglio. Di conseguenza, la consueta ripartizione degli pneumatici è cambiata. Invece di avere 13 treni di gomme per un fine settimana, ce ne saranno 12. Questi saranno composti da due treni di hard, quattro di medie e sei di soft. In aggiunta a questo, le squadre avranno a disposizione fino a sei set di intermedie e tre set di full wet in caso di pioggia. Pioggia che non è prevista per questo weekend.

Durante le qualifiche del venerdì è possibile utilizzare solo la gomma morbida. Nelle qualifiche sprint, i piloti avranno la libera scelta delle gomme senza l’obbligo di pit stop. Al termine di questa gara, restituiranno il treno di gomme che ha completato il maggior numero di giri. Le regole sugli pneumatici per il Gran Premio di domenica rimangono invariate, con la possibilità per i team di scegliere la gomma da utilizzare in partenza.

Monza è nota soprattutto per i suoi lunghi rettilinei preceduti da brusche frenate, ma anche con alcuni tratti più lenti e tecnici. I lunghi rettilinei hanno anche l’effetto di raffreddare le gomme, il che può influire sulla precisione nelle curve successive. Ma questo ovviamente dipende anche dal tempo e dalle temperature, che può variare in questo periodo dell’anno.

La scelta di Pirelli per il Gran Premio d'Italia: Per la gara di casa Pirelli – su uno dei tracciati più veloci della stagione – sono state...

Le squadre utilizzano un pacchetto a basso carico aerodinamico a Monza, al fine di ridurre al minimo la resistenza e quindi massimizzare la velocità massima sui rettilinei. Ciò pone l’accento più sull’aderenza meccanica che sull’aerodinamica. I lunghi rettilinei rendono anche vantaggioso cercare di ottenere un traino aerodinamico sui rettilinei.

Il Gran Premio d’Italia è stato interrotto da una bandiera rossa lo scorso anno, che ha interrotto la strategia pianificata per gli pneumatici, rendendolo effettivamente una gara sprint di 26 giri con pneumatici freschi alla fine (con i primi sei che hanno selezionato tutti le medie). L’anno prima a Monza, utilizzando la stessa tipologia di gomme, la strategia vincente fu soft-hard con Charles Leclerc, anche se gli altri due piloti sul podio sono passati dalle soft alle medie.

+ posts