Piero Ferrari: “Charles Leclerc sarebbe piaciuto molto a mio padre. Con Sainz bel futuro.”

7 Ottobre 2021 0 Di Mattia Mancini

Piero Ferrari, al ritiro del premio “Mecenate dello Sport 2021”, si esprime sull’attuale line-up della scuderia, dedicando un pensiero anche al pilota più vincente di sempre con la Rossa, Michael Schumacher.

Carlos Sainz: "Ho molto rispetto di Leclerc" - F1 Piloti - Formula 1 -  Motorsport

Il secondogenito di Enzo si è espresso in maniera del tutto positiva sul giovane team formato da Charles Leclerc e Carlos Sainz in Ferrari. “Il passato ha costruito il nostro mito, ma dobbiamo guardare al futuro, e con Charles e Carlos abbiamo tra le mani una grande squadra”.

Il vicepresidente del Cavallino ha poi voluto elogiare la figura del pilota monegasco numero 16: “Leclerc? Sarebbe sicuramente piaciuto a mio padre”. Egli ha escluso del tutto paragoni con piloti passati, che destabilizzano soltanto l’ambiente e creano confusione tra i tifosi: “Gilles Villeneuve era istinto puro, Charles è molto diverso; è un pilota molto intelligente, dotato di riflessi straordinari e concentrazione. Se riusciremo a dargli una vettura adeguata ci darà grandi soddisfazioni”.

Parole d’incoraggiamento arrivano anche per lo spagnolo numero 55: “Anche Carlos sta dimostrando di essere un giovane solido e veloce. Abbiamo una bella squadra. In futuro tutto cambierà, le carte si mescoleranno”.

Schumachers erster Sieg mit Ferrari

Piero ha voluto poi dedicare un pensiero speciale a Michael Schumacher, il pilota forse più significativo della storia della Rossa. “Ho avuto il piacere di avere Schumi ospite a casa e bere insieme una bottiglia di vino rosso; provava un forte piacere nel vivere questi momenti di intimità e tranquillità. Mi dispiace che se ne parli come se fosse morto; lui è qui, non riesce a comunicare ma c’è”. Si intrattiene a parlare anche del figlio del Kaiser, Mick, al suo primo anno in Formula 1 con la Haas: “Sta facendo il suo percorso, è in un team che appoggiamo e che sta spendendo tutto sul 2022. Noi di Ferrari stiamo aiutando il team americano, speriamo di dargli una vettura con la quale possa dimostrare le sue qualità per la sua seconda stagione in F1”.

Per l’erede di Enzo, dunque, si aspettano tempi sicuramente migliori in quel di Maranello, in un futuro all’insegna della gioventù e della spensieratezza.

+ posts