Da quale Academy provengono gli attuali piloti in griglia?

Da quale Academy provengono gli attuali piloti in griglia?

18 Ottobre 2021 1 Di Nicola Cobucci

Tutti i team di Formula 1 vogliono avere i migliori piloti tra le loro fila. Per questo motivo, negli ultimi anni, il lavoro delle Academy è aumentato vertiginosamente.

Al momento, 16 dei 20 piloti che compongono l’attuale griglia di Formula 1 hanno, a un certo punto, fatto parte di un programma per giovani piloti.

Ferrari e Red Bull sono le squadre che hanno contribuito alla Formula 1 con i giovani più promettenti. Metà della griglia attuale è passata tra le fila di entrambe le squadre, anche se non sempre sono arrivate nelle squadre che le hanno formate.

FERRARI

La Ferrari Drivers Academy ha lavorato con cinque piloti che attualmente gareggiano nel “Grande Circo”. Sergio Pérez ha aderito a questo progetto nel 2011, nel suo anno di debutto in Formula 1 con il team Sauber, anche se la sua esperienza è stata breve, perché nel 2013 il messicano ha deciso di scommettere sulla McLaren vista l’incertezza del suo futuro in Ferrari.

Tutti i team di Formula 1 vogliono avere i migliori piloti tra le loro fila. Per questo motivo, negli ultimi anni, il lavoro delle Academy è aumentato vertiginosamente.

Nella cava della squadra italiana c’era anche Lance Stroll. Il pilota canadese è entrato a far parte dello sviluppo della Ferrari nel 2010, ma con l’opportunità di essere un collaudatore alla Williams, Stroll ha lasciato il programma del team nel 2015.

Mick Schumacher è entrato alla Ferrari Academy nel 2019 per seguire le orme del padre, e con suo padre ha raggiunto la Formula 1. Schumacher ha fatto il suo debutto in questa stagione al fianco del team Haas. Anche Antonio Giovinazzi è arrivato in Formula 1 attraverso la Ferrari nel 2016, ma non ha mai fatto parte dell’Academy.

Più noto è il passato di Charles Leclerc. Il pilota monegasco è entrato nella Ferrari Driver Academy nel 2016 ed è rimasto con la squadra fino ad oggi. Si è laureato campione di Formula 2 e GP3 Series e nel 2018 ha esordito in Formula 1 con la Sauber, il tutto con il supporto della Ferrari. Un anno dopo era già pilota ufficiale della squadra con la quale ha un contratto fino al 2024.

Tutti i team di Formula 1 vogliono avere i migliori piloti tra le loro fila. Per questo motivo, negli ultimi anni, il lavoro delle Academy è aumentato vertiginosamente.

Il successo dell’Academy della squadra italiana non è casuale. Molti piloti decidono di optare per questo per i suoi grandi vantaggi, poiché beneficiano dell’esperienza del team di Formula 1, sono consigliati dagli ingegneri e hanno persino programmi di preparazione fisica. Inoltre, la Ferrari Driver Academy non ha problemi di budget, il che è un grande limite per molti piloti all’inizio della loro carriera.

RED BULL

Lo stesso numero di piloti ha contribuito con la Red Bull alla griglia. La punta di diamante del programma dei giovani piloti del team austriaco oggi è Max Verstappen . L’olandese è entrato a far parte del Red Bull Junior Team nel 2014, nel 2015 ha esordito in Formula 1 con la Toro Rosso e l’anno successivo ha fatto il salto in Red Bull.

Anche Sebastian Vettel è arrivato in F1 grazie alla Red Bull. Il quattro volte campione del mondo è stato pilota della Red Bull sin dai kart e insieme alla squadra austriaca ha vinto i suoi quattro titoli.

Un altro giovane promettente che la Red Bull ha portato in Formula 1 è Carlos Sainz . Helmut Marko lo ha notato nel 2010 e lo ha incluso nella sua squadra.

Tutti i team di Formula 1 vogliono avere i migliori piloti tra le loro fila. Per questo motivo, negli ultimi anni, il lavoro delle Academy è aumentato vertiginosamente.

Anche l’australiano Daniel Ricciardo è arrivato in Formula 1 grazie alla Red Bull, che lo ha notato nel 2009.

Gli stessi passi che Ricciardo ha seguito Pierre Gasly , che è stato supportato da Red Bull dal 2014. Red Bull, attraverso la sua partnership con Honda, è stato anche responsabile per l’arrivo di Yuki Tsunoda in Formula 1.

MERCEDES

Anche le altre squadre in griglia hanno i loro progetti per giovani promettenti, ma non hanno contribuito con lo stesso numero di corridori.

Tutti i team di Formula 1 vogliono avere i migliori piloti tra le loro fila. Per questo motivo, negli ultimi anni, il lavoro delle Academy è aumentato vertiginosamente.

La Mercedes ha promosso George Russell, che sarà uno dei suoi piloti titolari l’anno prossimo e ha supportato Esteban Ocon dal 2015.

MCLAREN

Ron Dennis ha messo gli occhi su Lewis Hamilton e lo ha invitato a unirsi al Young Drivers Program della McLaren nel 1998. La McLaren è stata anche la casa di Lando Norris dal 2017.

+ posts