Carlos Sainz svela il retroscena: ha firmato con Ferrari in pigiama.

Carlos Sainz svela il retroscena: ha firmato con Ferrari in pigiama.

20 Ottobre 2021 0 Di Nicola Cobucci

Ci possono essere pochi momenti più iconici per un pilota che mettere nero su bianco un contratto Ferrari di Formula 1. Ma – per il modo in cui è stato firmato – siamo sicuri che Carlos Sainz non dimenticherà mai quel giorno.

Non c’è stata nessuna grande cerimonia a Maranello seguita da un pranzo celebrativo con i suoi nuovi capi. Sainz è diventato un pilota ufficiale della Ferrari in quella che sembrava essere una mattina come tante altre.

“In realtà è una storia un po’ divertente perché è stato un lungo periodo di trattativa”, ha detto Sainz, parlando in un’intervista esclusiva con Motorsport.

Ci possono essere pochi momenti più iconici per un pilota che mettere nero su bianco un contratto Ferrari di Formula 1.

“È stato durante il lockdown, quindi i colloqui sono stati tutti fatti su Zoom e tramite telefonate, il che ha reso tutto un po’ più complicato. Ci siamo dovuti adattare alla situazione e l’ho firmato sullo stesso identico tavolo su cui sto facendo questa intervista ora qui a Madrid, nel piccolo ufficio che abbiamo in casa.”

“Abbiamo passato tutto il lockdown insieme alla famiglia, e poi improvvisamente un giorno mi sono svegliato intorno alle 8 del mattino e sono ancora in pigiama. Entro in questa stanza, e vedo che mio padre è pronto con una penna. Dice: ‘Devi firmare qui: è il contratto con la Ferrari. E se firmi è fatto.’

“Così l’ho firmato in pigiama alle 8 del mattino, subito dopo essermi svegliato! Ho pensato ‘Okay, buongiorno anche a te’.”

Dal suo primo test a Fiorano di quest’anno, quando l’affluenza dei tifosi per salutarlo si è rivelata una vera e propria scoperta, alle diverse esperienze che ha affrontato nel team, Sainz si è inserito bene.

Ci possono essere pochi momenti più iconici per un pilota che mettere nero su bianco un contratto Ferrari di Formula 1.

Certo, come ogni stagione di F1, ci sono stati alcuni alti e bassi e aspetti della vettura di cui non è stato del tutto soddisfatto, ma l’esperienza come pilota della Ferrari è stata ottima.

È stato un viaggio e, per uno con i piedi per terra come lo spagnolo, è stato un po’ una rivelazione su come gli altri lo percepiscono, soprattutto quando incontra i tifosi.

“È vero che i fan in Italia sono super appassionati e super rispettosi, in un modo che non mi aspettavo”, spiega.

“Intendo anche toccarti o stringerti la mano, per loro è qualcosa di super speciale. Ti rispettano davvero e ti tengono davvero su un piedistallo per qualche motivo, ed è piuttosto di impatto. Diventano super nervosi quando sei vicino a loro, e questa è una sensazione che non ho mai avuto prima come pilota. Li tocco sulla schiena e dico, ‘dai, sono un 27enne, come te, rilassati e scatta le foto’. Ma spesso prendo il telefono da loro per scattare io stesso.”

+ posts