Una Ferrari spaventata non ha massimizzato il proprio potenziale in Qatar

Una Ferrari spaventata non ha massimizzato il proprio potenziale in Qatar

22 Novembre 2021 0 Di Ivan Mancini

Nonostante i profusi sforzi, le due Rosse non riescono ad andare oltre la settima e ottava posizione; in riferimento a questo risultato, Sainz ha parlato di “Ferrari spaventata” nell’intervista post gara.
 

La tappa in Qatar ha consegnato al pubblico una gara ricca di colpi di scena, tra ritiri e forature dovute all’elevata usura e ai cordoli aggressivi. Non di certo il fine settimana ideale per la Ferrari, che riesce ad evitare quantomeno i cedimenti alle gomme, ma non si spinge oltre la quarta fila. Sainz, infatti, ha concluso la gara in settima posizione, appena una davanti al compagno di squadra; un risultato modesto che però porta la Rossa a 39.5 misure di vantaggio sulla McLaren. A penalizzare molto il team di Woking sono la foratura improvvisa di Norris e i problemi di carburante sulla vettura di Ricciardo.

Carlos Sainz e Lando Norris, GP Qatar 2021

Non un passo da gigante, quello compiuto dalla Ferrari, ma un piccolo miglioramento: la scuderia di Maranello può ora mettere un’ipoteca sulla terza posizione nel campionato costruttori. Tuttavia, nella consueta intervista post gara, Sainz ha ammesso di sentirsi insoddisfatto poiché la Rossa avrebbe potuto ambire ad un risultato ancora migliore. “Non è esattamente quello che volevamo, perché in gara eravamo piuttosto spaventati dall’usura delle gomme verificata venerdì. Abbiamo dovuto guidare in modo abbastanza conservativo gestendo le gomme, perché sappiamo che mangiamo le gomme anteriori” ha spiegato Sainz ai microfoni di Sky.

Lo spagnolo ha poi riassunto la propria gara analizzando i due stint su mescola media e dura. “È stata una partenza difficile, anche a causa della gomma media usata che offriva meno grip. Abbiamo fatto un buon primo stint con questa gomma, cercando di farla funzionare a lungo, ma poi con la dura siamo stati fin troppo prudenti. La mescola dura era molto migliore e ci permetteva di spingere. Stavamo risparmiando troppo la gomma fin quando a un certo punto mi sono detto ‘Penso che ci sia rimasta molta gomma, vado a spingere. Stavo seguendo Stroll ma sfortunatamente aveva il DRS di Ocon e non siamo riusciti a farcela. Nel complesso abbiamo dimostrato un buon ritmo“.

Carlos Sainz, pregare GP del Qatar
+ posts