Ricciardo, nessun dubbio su Hamilton: “È forte come in passato”

Ricciardo, nessun dubbio su Hamilton: “È forte come in passato”

17 Giugno 2022 0 Di Daniele Donzelli

Ricciardo ha parlato di Hamilton, che secondo lui non ha fatto alcun passo indietro rispetto agli anni passati. L’australiano non lo esclude addirittura dalla lotta per la vittoria in Canada.

Daniel Ricciardo e Lewis Hamilton hanno qualcosa in comune in questo momento: stanno attraversando un momento di difficoltà, anche se per diversi motivi. Lewis sta faticando a causa di una W13 non all’altezza, mentre Daniel non riesce ad adattarsi alla sua McLaren. Inoltre, entrambi stanno perdendo il confronto con il rispettivo compagno di squadra. I due (Hamilton in particolare) hanno subito diverse critiche per questo motivo, ad esempio da Ralf Schumacher.

Nonostante tutto, però, Ricciardo ha voluto spendere parole di elogio nei confronti del suo collega inglese. Il pilota McLaren crede che Russell stia dimostrando tutto il suo valore, e crede che Hamilton non abbia nulla in meno rispetto alla scorsa stagione.

“Penso assolutamente che Lewis sia forte come lo è sempre stato negli anni scorsi” riporta planetf1.com. “Sapevamo tutti che George sarebbe stato veloce, la domanda era: ‘quanto è veloce? Quanto è forte?’ Ora sta dimostrando che è molto bravo. Ma nonostante ciò, non toglierei Lewis dalla lotta per la vittoria in questo weekend, per esempio. Non penso abbia perso qualcosa rispetto al passato, assolutamente” ha spiegato.

Ricciardo ha toccato anche altri argomenti nel corso dell’intervista. Nello specifico, l’australiano ha parlato dell’incontro avvenuto tra i piloti al termine della gara. Hamilton e Russell, infatti, hanno invitato i loro colleghi per parlare della questione del porpoising.

“Abbiamo parlato assieme agli altri di Lewis dopo la gara. Ho visto alcuni dei suoi onboard, ho visto delle foto in cui lui usciva dalla macchina e si allungava la schiena. Non stava esagerando. È stato davvero scomodo. La cosa buona è che è tutto molto visibile. Si può sentire la vettura saltellare e rimbalzare avendo l’audio [degli onboard]. Inoltre dalle immagini si può vedere il casco che si muove. Non è normale e nemmeno confortevole. Noi non abbiamo molto spazio per muoverci nella posizione in cui siamo seduti all’interno della macchina, non siamo preparati a cose del genere” ha dichiarato.

Ricciardo, nessun dubbio su Hamilton: "È forte come in passato"

Infine, l’australiano ha ammesso di conoscere la causa scatenante del porpoising.

“Non so con sicurezza se questo effetto è dovuto al cambio di regolamento o al modo in cui le squadre stanno assettando le vetture. Ma non mi piace che qualcuno debba soffrire inutilmente. Ne abbiamo parlato per tutta la stagione, ma considerando che a Baku è stato un problema grande sono sicuro che ne discuteremo nel briefing tra piloti venerdì in Canada” ha concluso Ricciardo.

+ posts