F1 | Qualifiche GP Miami: Charles Leclerc conquista la pole position

F1 | Qualifiche GP Miami: Charles Leclerc conquista la pole position

7 Maggio 2022 0 Di Ivan Mancini

Seconda fila monopolizzata dalle due Ferrari grazie ad un buon giro di Sainz. Terzo Verstappen, autore di un errore grossolano nell’ultimo giro, quarto Pérez.
 

Prequalifica

Le qualifiche del GP di Miami, quinta tappa del mondiale di Formula 1, si aprono con l’esclusione di Ocon. Il francese, in seguito al violento impatto verificatosi durante le FP3, ha danneggiato il telaio della sua vettura, arrivando a compromettere la cellula di sicurezza. Il pilota transalpino è quindi costretto a scendere in pista in fondo allo schieramento, non potendo partecipare alle tre manches di qualifica.

 

Q1

I primi a prendere parte al Q1 sono i due alfieri della Haas, Kevin Magnussen e Mick Schumacher. Seguono a ruota Vettel, Albon e i due piloti Ferrari, mentre Alonso è l’ultimo a scendere in pista. La gomma prediletta è quella rossa, che corrisponde al compound C4.

Il primo a far registrare un tempo utile è Vettel, che ferma le lancette del cronometro su un 1:32 basso. Subito dopo si impone Sainz, seguito in seconda posizione da Norris, ma è una situazione momentanea poiché sono le due Red Bull a dettare il passo. I due alfieri della scuderia austriaca riescono a monopolizzare le prime due posizioni della classifica: Verstappen (1:30.235) e Pérez (a 5 decimi dal compagno di squadra) si impongono su Russell (1:30.807), terzo davanti Sainz e Norris.

Le due Ferrari hanno modo di condurre un secondo tentativo. Con gli pneumatici più caldi e con la pista più gommata, i ferraristi suonano la carica e mettono in guardia le due Red Bull. Leclerc riesce a conquistare la prima posizione, rifilando 3 decimi a Verstappen, mentre Sainz si avvicina alla vetta rimanendo comunque a 8 decimi dal compagno di squadra.

A 5 minuti dal termine del Q1, la classifica momentanea vede a rischio eliminazione le due Williams (Albon in 17° posizione, Latifi in 19°), Zhou, e Ocon, impossibilitato a prender parte alle qualifiche. Ma la vera sorpresa è la 18° posizione di Hamilton che, costretto ad abortire un giro, soffre la permanenza nella zona più basse della classifica. Il pilota inglese riesce comunque a salvarsi nell’ultimo tentativo a disposizione, issandosi in 5° posizione e relegando Magnussen in sedicesima. Più sfortunato Zhou che, invece, incontra traffico nell’ultimo settore durante il giro lanciato: il pilota cinese è quindi costretto a partire dalla 17° piazza, davanti le sole Williams.

Q1 GP MIami

 

Q2

All’accensione del semaforo verde il primo a scendere in pista è Mick Schumache, seguito da Leclerc e Sainz. Con un crono di 1:29.729 il pilota spagnolo conquista il vertice della classifica momentanea, sopravanzando il compagno di squadra di appena mezzo secondo. Ancora una volta la festa ferrarista viene “rovinata” dalle due Red Bull che, con Verstappen (1:29.202) e Pérez (1:29.673), conquistano i primi due posti in classifica.

Nel mentre Hamilton batte un colpo e, facendo segnare il tempo migliore nel primo settore, si porta in quinta posizione, “primo degli altri”. Anche Russell prova ad avvicinarsi alla vetta, ma è costretto ad abortire il giro dopo aver rischiato molto in curva x a causa del bouncing. L’inglese rimane quindi ancorato in 15° posizione, dividendo la permanenza nella zona di eliminazione con Stroll, Schumacher, Vettel e Ricciardo; tuttavia, a 5 minuti dal termine del Q2, i piloti hanno ancora modo di mettere a segno almeno un tentativo.

Il tentativo non sorride di certo Russell, che riesce a piazzarsi in settima posizione senza però avere modo di rientrare in pista; altri piloti riescono invece a migliorarsi negli ultimi giri lanciati, relegando l’inglese in 12° posizione. Male anche Vettel, escluso dal Q3 a causa di una sbavatura, mentre Alonso non riesce a qualificarsi a causa di un presunto impeding ausato da Sainz. Le immagini, però, scagionano il ferrarista.

Q2 GP MIami

 

Q3

Nell’ultima manche della sessione di qualifiche il primo a scendere in pista è il leader del mondiale, Charles Leclerc. Il ferrarista conclude il giro in 1:29.055, sopravanzando di appena venti millesimi il compagno di squadra. Il primo riferimento con Red Bull si ha grazie al tentativo di Max Verstappen che, con un crono di 1:28.991, è il primo pilota a scendere sotto il 29. Anche Pérez riesce ad assemblare un buon giro, ma rimane ai margini del podio in quarta posizione. Subito dopo Bottas, unica Alfa Romeo in Q3, seguito dall’ex compagno di squadra Lewis Hamilton. Le ultime posizioni sono occupate da Norris e da Stroll, chiuso a panino dalle due AlphaTauri.

L’ultimo tentativo, al cardiopalma, regala grandi emozioni. Grazie ad un errore di Verstappen, costretto ad abortire il giro, Charles Leclerc riesce a conquistare la sua terza pole position stagionale, seguito a ruota da Carlos Sainz. Le due Ferrari portano a casa una preziosa doppietta in qualifica, sopravanzando i diretti avversari della Red Bull. Terzo Verstappen, ad appena 5 millesimi da Sainz, sempre quarto Pérez.

Di seguito la griglia di partenza, dalla prima alla decima posizione, del GP di Miami.

Q3 GP MIami
Fonte: www.formula1.com
+ posts