Red Bull – Il CEO Honda si è detto deluso per la mancata vittoria in Bahrain

Red Bull – Il CEO Honda si è detto deluso per la mancata vittoria in Bahrain

10 Aprile 2021 1 Di Nicola Sotgia

Dopo il secondo posto del Bahrain, la delusione all’interno del Team Austriaco è stata tantissima. Oltre a Verstappen e Horner, anche il CEO della Honda si è espresso in merito alla vittoria sfumata. Masashi Yamamoto si è detto deluso per l’esito finale della corsa.

Dopo il secondo posto del Bahrain, l’amarezza in casa Red Bull è stata parecchia. Dopo aver dominato nell’arco dell’intero weekend, in gara Max Verstappen non è riuscito a sopravanzare Lewis Hamilton. Per dirla tutta, l’Olandese aveva si superato l’inglese, ma lo ha fatto oltrepassando i limiti di curva 4, cosa non consentita dal regolamento. Dopo aver restituito la posizione al pilota Mercedes, Max non è poi riuscito a riprendersi quella prima piazza tanto desiderata. Masashi Yamamoto, CEO della Honda, si è espresso sulla vicenda.

Durante un’intervista alla testata giornalistica Giapponese AS Web, Yamamoto si è detto altamente deluso e senza parole. Per riassumere in modo breve, il manager del Sol Levante ha fatto intendere di considerare il secondo posto come una sconfitta:

Quel secondo posto Red Bull che brucia come una sconfitta.

Red Bull Masashi Yamamoto
Verstappen affronta le curve del circuito di Sakhir. Foto Autoblog.com

Yamamoto pensa che la Red Bull avesse tutto per poter tagliare il traguardo in prima posizione:

“Mi dispiace molto per ciò che è successo. Penso che avessimo la velocità per vincere. Sono rimasto senza parole quando abbiamo tagliato il traguardo per secondi”, ha esordito il CEO Honda.

“Se fosse stato il nostro primo podio sarebbe stato un qualcosa di cui andare fieri”, ha detto. “Adesso che puntiamo al Mondiale e che siamo consapevoli della nostra velocità, posso solo dire che abbiamo perso una vittoria”, ha continuato Yamamoto.

“Dalle prove libere alle qualifiche, le cose sono andate alla perfezione. Il Sabato abbiamo battuto Hamilton di quattro decimi, per cui abbiamo dimostrato di potercela seriamente giocare con la Mercedes”, ha concluso.

Il Giapponese è rimasto colpito positivamente da Sergio Pérez.

Yamamoto ci tiene a sottolineare anche la prestazione del Messicano, capace di issarsi in quinta posizione dopo i problemi patiti nel giro di ricognizione:

“Perez, dopo i problemi patiti nel pre-partenza, ha condotto una gara fantastica. Sergio ha dimostrato a tutti di che pasta sia fatto”, ha detto il CEO Honda.

“Se fosse partito dalla sua postazione in griglia, anziché dai box, avremmo potuto impensierire ancora di più la Mercedes”, ha concluso il Giapponese.

E adesso, noi della redazione vi chiediamo: riuscirà la Red Bull a conquistare il Titolo?

Seguiteci sui nostri canali Telegram, Instagram e Twitter!

Per non perderti nessuna news sulla Formula 1 e sulle categorie minori, ti basta seguire i nostri canali social. Ovviamente, se gli articoli saranno di tuo gradimento, condividili con chi vuoi! Buon proseguimento di lettura su Fuoripista.

Website | + posts

Appassionato della Formula 1 dei bei tempi.