Albon e il 2021 senza sedile: “E’ stata una tortura”

Albon e il 2021 senza sedile: “E’ stata una tortura”

4 Ottobre 2021 0 Di Nicola Sotgia

Il pilota Thailandese ha espresso tutta la sua frustrazione per non aver avuto la possibilità di correre in questa stagione. Fortunatamente per lui, nel 2022 sarà ai nastri di partenza del Campionato, a bordo della Williams.

Passare da pilota Red Bull a disoccupato è una questione di attimi. Lo sa bene Alex Albon, che dopo aver disputato un paio di stagioni in Formula 1 è stato costretto a lasciare temporaneamente il Circus. Già, perché dopo l’annus orribilis del 2020, Horner e Marko hanno deciso di ingaggiare Sergio Pérez, parcheggiando Albon ai box.

Il confronto con Verstappen è stato impietoso, denotando una differenza enorme tra il talento Olandese ed appunto Albon. Troppo pochi infatti i 105 punti racimolati nella scorsa stagione per poter sperare in una riconferma. Nonostante ciò, il giovane Thailandese non si è dato per vinto.

Una volta fuori dalla Formula 1 Albon ha preso parte al DTM, a bordo della Ferrari 488 GT3 Evo. Ad ospitarlo è stato il Team AF Corse, con l’inedita sponsorizzazione Alpha Tauri. Anche grazie a questa esperienza, Alex ha trovato il modo di rialzarsi e trovare un sedile nella massima categoria. Il prossimo Campionato lo vedrà infatti a bordo della Williams. Come riportato da racingnews365, il Thailandese ha parlato di come la Red Bull lo abbia aiutato a trovare una nuova sistemazione.

Albon ringrazia la Red Bull e non vede l’ora di iniziare l’avventura in Williams

Guardare i propri colleghi dalla tv non è facile, dice Alex: “E’ difficile mettersi alla prova quando non ti è concesso correre. Assistere alla prima gara dalla tv è stata una vera tortura, ma alla fine questo mi ha dato una motivazione in più”.

Prima dell’estate, le possibilità di rivedere Albon in Formula 1 erano ridotte al minimo: “All’inizio era tutto bloccato, ma con Bottas in Alfa Romeo si è aperto uno scenario per me favorevole”. L’attuale pilota del DTM ha poi ringraziato la Red Bull, parte attiva nelle trattative con la Williams: “Hanno una cattiva reputazione su una serie di cose”, ha continuato Albon. “In realtà mi hanno aiutato nelle conversazioni con il mio futuro Team, e tutto ciò mi rende felice: questo vuol dire che hanno ancora fiducia in me”.

Albon Red Bull Russell Williams
Albon e Russell sono amici sin dai tempi dei kart. Tra i due c’è parecchia stima. Foto skysports.com

Infine parole al miele per l’amico George Russell. Il futuro compagno di Hamilton ha infatti spinto affinché Albon prendesse il suo posto in Williams: “Certamente non ha fatto una presentazione Power Point, ma ha sicuramente parlato bene di me all’interno del Team, questo è sicuro, per cui gli devo certamente delle birre”, ha concluso Albon.

Seguici sui nostri canali social!

Sei un grande appassionato della Formula 1 ma non sai come stare “dietro” alle notizie? Semplice, seguici sui nostri canali Instagram e Telegram! Nessun costo, tutto gratis. Mi raccomando, se ritieni interessanti i nostri articoli, condividili con chi vuoi. Buon proseguimento di lettura sul nostro sito!

Website | + posts

Appassionato della Formula 1 dei bei tempi.
Sempre al passo del Mondo d'oggi.