McLaren elogia la Ferrari: “Sono più veloci di noi”

McLaren elogia la Ferrari: “Sono più veloci di noi”

27 Ottobre 2021 0 Di Daniele Donzelli

Norris e Seidl hanno parlato del duello McLaren-Ferrari, segnalando come la Rossa abbia ribaltato la situazione con il nuovo motore. Anche Mattia Binotto si è detto soddisfatto di quanto visto negli USA.

Nel weekend di Russia e in quello di Turchia, la Ferrari ha montato una nuova Power Unit sulle proprie monoposto. Gli aggiornamenti portati hanno subito destato una buona impressione, sia agli occhi dei tifosi che a quelli degli addetti ai lavori. La pioggia e le penalità in cui sono incappati i piloti non hanno permesso al nuovo motore di esprimere al meglio il suo potenziale, ma il weekend scorso negli Stati Uniti ha fornito ottimi riscontri.

Anche grazie alla nuova spinta del propulsore, la Scuderia sembra aver riaperto la battaglia per il terzo posto nel Costruttori con McLaren. Il team inglese sembrava aver messo una bella ipoteca sul risultato dopo la doppietta di Monza, ma la superiorità della Rossa negli ultimi appuntamenti non fa certo dormire sonni tranquilli a Woking.

Sia Norris che Seidl hanno espresso il loro punto di vista sulla questione, come riportato da motorsport.com.

Leclerc e Sainz in attività a Sochi

La preoccupazione in casa McLaren

È stato proprio il pilota inglese ad ammettere quella che secondo lui è una netta superiorità della scuderia italiana, sottolineando anche come la SF21 non abbia espresso tutto il potenziale in Texas:

“La Ferrari è stata nettamente più veloce di noi. Forse può non sembrare così dato che Carlos è rimasto bloccato alle spalle di Daniel. Credo che se fosse riuscito a passarlo sarebbe scappato via come ha fatto Charles, infatti per tutto il weekend non abbiamo mai avuto il loro stesso passo. Non hanno la monoposto più veloce su tutti i tracciati ha detto ma la SF21 è più consistente della MCL35M e più guidabile”.

Ovviamente, nonostante queste parole, Lando non intende darsi per vinto:

“Questo però non cambia il nostro approccio. Spingeremo per restare davanti. Non è certamente quello che vogliamo giunti a questo punto della stagione, ma dobbiamo cercare di fare qualcosa per tornare davanti a loro”.

Anche Seidl, team principal della McLaren, ha confermato quanto detto da Norris, attribuendo parecchio merito di questo passo in avanti alla nuova Power Unit:

Hanno fatto un buon passo in avanti con il loro pacchetto, anche grazie all’aggiornamento apportato sulla power unit. Questo gli ha dato un vantaggio e si è visto soprattutto in queste ultime due gare. Per quanto riguarda noi – ha affermato Adrian – siamo consapevoli che non avremo più aggiornamenti in arrivo fino a fine anno, ma sappiamo che arriveranno piste più favorevoli a noi ed altre più favorevoli alla Ferrari”.

Queste parole sono la chiara dimostrazione di come a Woking abbiano particolarmente a cuore l’obiettivo del terzo posto nel Costruttori, e di certo non molleranno proprio ora.

McLaren a Monza

La soddisfazione di Binotto

A Maranello tutto sembra andare per il verso giusto, soprattutto in ottica 2022. Infatti il nuovo motore sarà quello che spingerà le Rosse anche nella stagione del cambio regolamentare: la migliore occasione per Ferrari di tornare in lotta per il titolo. I presupposti sono buoni, e anche se il lavoro da fare è ancora molto, il team principal Binotto si è detto contento delle prestazioni:

In questo fine settimana stavamo correndo con il massimo carico aerodinamico, ma abbiamo eguagliato o quasi la velocità degli altri. Considerando le prestazioni del 2020, è davvero un grande passo avanti. Sappiamo che c’è ancora un gap dal miglior motore, ma crediamo che non sia più così drammatico.”

Mattia ha poi spiegato meglio i motivi di questa soddisfazione:

Austin non era un circuito che si adattava alla nostra macchina, ecco perché sono contento dei progressi che abbiamo visto nelle ultime gare – ha dichiarato – La Power Unit ci ha aiutato, ed è positivo per le prossime gare. Se guardiamo in generale, in questa stagione la McLaren è sempre stata molto competitiva nelle curve a velocità medio-alta e questo era il caso di Austin. Ma se guardiamo alla prestazione complessiva nel fine settimana, siamo stati davanti a loro sia in qualifica che in gara – ha concluso.

Non ci resta che aspettare la fine della stagione, sperando in risultati sempre migliori da parte della Rossa, anche e soprattutto in ottica 2022.

Binotto
+ posts