Vettel: “Non corro per arrivare ottavo.”

Vettel: “Non corro per arrivare ottavo.”

9 Novembre 2021 0 Di Nicola Cobucci

Sebastian Vettel dice che correre a centro gruppo “non è lo stesso” e non è per questo che è sulla griglia della Formula 1.

Dopo aver trascorso un decennio a lottare regolarmente per vittorie e podi, Sebastian Vettel è stato raramente in grado di farlo da quando si è unito all’Aston Martin per il 2021 e oltre.

Invece, in quella che quest’anno è stata spesso la sesta vettura più veloce in griglia, di solito è stato coinvolto nella battaglia di centro gruppo per le posizioni più basse nella top 10 al massimo.

Ammette che non è così divertente per lui e non è per questo che corre ancora in F1.

“La soddisfazione quando si taglia il traguardo non è la stessa”, ha detto a Sky Sport.

Sebastian Vettel dice che correre a centro gruppo "non è lo stesso" e non è per questo che è sulla griglia della Formula 1.

“Una volta che hai vinto una gara e sei salito sul podio e poi hai ricevuto questa enorme spinta dai fan è, in un certo senso, una conferma. Ora corri e ottieni un ottavo o decimo posto e senti di aver fatto davvero una buona gara, senza errori, ma è decimo, nono, ottavo, non è proprio quello per cui sono qui. Forse sono viziato, mi sono abituato a vincere e stare davanti.”

Se tutto va secondo i piani, Vettel non correrà a centro gruppo ancora per molto con l’Aston Martin che punta a competere per vittorie e titoli nelle prossime stagioni. Le ampie modifiche al regolamento che entreranno in gioco il prossimo anno forniranno loro l’opportunità di colmare il divario con i primi, ma lo stesso vale per ogni altra squadra in griglia.

Il quattro volte campione del mondo è ottimista e afferma di non avere rimpianti per essersi unito alla squadra britannica per quelli che molto probabilmente saranno gli ultimi anni della sua carriera.

“Lawrence è molto serio e la squadra è sulla buona strada. Tutto ciò che sta accadendo è molto, molto promettente”, ha aggiunto.

“Fissare un programma è sempre difficile perché tutti hanno lo stesso programma: tutti vogliamo tornare a vincere, che si tratti di McLaren, Alpine. Credo sempre che ci sia una gara da vincere, altrimenti non partirei più. Ma certo, se guardi le statistiche, se inizi 12°, ottavo o decimo, allora non sei letteralmente in pole position. Non ho rimpianti e penso che questa sia la cosa principale.”

+ posts