F1 | Test Day 1 Bahrain – Mattina: si torna in pista!

F1 | Test Day 1 Bahrain – Mattina: si torna in pista!

10 Marzo 2022 0 Di Alberto Ghioni

Subito davanti la Ferrari di Charles Leclerc, che conferma quanto di buono fatto durante i test a Barcellona. Da tenere d’occhio i nuovi sviluppi portati da Mercedes.

Dopo mesi di attesa potremo finalmente vedere le nuove vetture di Formula 1 in pista. Non è stata una off-season noiosa, con Mazepin che è stato licenziato per problemi di sponsor e sostituito da Kevin Magnussen, cavallo di ritorno. Il team statunitense non scenderà però in pista, a causa di un ritardo nelle consegne dei pezzi per assemblare le vetture. Finalmente, però, sarà la pista a parlare e inizierà a farlo oggi 10 Marzo, in Bahrain.

Si parte!

Lascia molto di stucco la Mercedes che ha modificato in modo importante le pance, soluzione che ha stupito non poco gli altri team. I primi giri sono ovviamente di presa di conoscenza con le vetture, con la pista e con le condizioni di questi test. Quasi tutti i team montano i famosi rastrelli con cui prendere in modo ottimale i dati sul flusso d’aria.

Immagine

Subito si può notare come sia ancora predominante il problema del porpoising in tutti i team: questo fenomeno può essere molto noioso per i piloti, che sono sottoposti ad un continuo saltello mentre sono sul rettilineo.

Dopo mezz’ora i tempi sono ovviamente tutti molto alti, per onor di cronaca la classifica mostra Leclerc in testa davanti a Vettel, Perez e Zhou. Quinto Hamilton, che non è mai sembrato voler andare oltre il 20% delle potenzialità della macchina.

Immagine

Al termine della prima ora, scende in pista anche Lando Norris, unico pilota che non era ancora sceso oggi in pista. L’inglese oggi sostituisce Daniel Ricciardo che, a causa di un’indisposizione, non è potuto scendere in pista. Solo un giro portato a termine per Esteban Ocon, così come per Alexander Albon.

Pochi tempi interessanti

Ocon sale in seconda posizione, ma con un tempo ben lontano da quelli che le vetture potranno raggiungere. Da segnalare la prima lamentela di questi test, portata avanti da Christian Horner nei confronti di Mercedes, rea di aver portato aggiornamenti non legali.

Immagine

Rimane saldamente in testa Charles Leclerc, con un vantaggio di circa 7 decimi rispetto a Sergio Perez e Sebastian Vettel. Il monegasco migliora poi ulteriormente il suo tempo, mettendosi a 2 secondi di vantaggio rispetto a Hamilton e Perez.

Molti bloccaggi all’ingresso di curva 10, la quale è sempre stata un tallone d’Achille ma che quest’anno sembra esserlo ancora di più. Charles Leclerc si mette in mostra con un traverso non da poco in curva 11, che riesce però a controllare egregiamente.

Immagine

Alexander Albon sale in terza posizione, sempre però a due secondi dal tempo fatto siglare Charles Leclerc, mentre Perez riduce il distacco ad un secondo e sette decimi. Nessuno sembra però voler mostrare immediatamente tutte le carte a loro disposizione.

Ad un’ora dalla fine non si registrano tempi migliori di quelli già siglati, coi team che sembrano volersi concentrare maggiormente su altri programmi. Sebastian Vettel sale poi a un secondo e sei decimi dal monegasco, mettendosi in seconda posizione. Il tedesco viene poi superato da Albon, che si mette in seconda posizione a sei decimi dal pilota della Ferrari.

Immagine

Si registrano poi nuovi tempi migliorati da parte di Vettel e Perez, ma nulla che possa far pensare ad un tempo competitivo. A 10 minuti dalla fine si procede ad una simulazione di Virtual Safety Car.

La sessione mattutina termina quindi con Leclerc in testa, davanti ad Albon e Vettel. Quarto Perez, quinto Hamilton, a chiudere Ocon, Zhou, Norris e Gasly

+ posts