Haas: quando Azerbaijan è sinonimo di porpoising.

Haas: quando Azerbaijan è sinonimo di porpoising.

11 Giugno 2022 0 Di Giuseppe Ruffo

Problemi per il team americano nella giornata di venerdì, con Mick Schumacher costretto ai box per tutte le FP1.

Dopo essersi lasciato il costoso incidente di Montecarlo alle spalle, Mick Schumacher è giunto a Baku con premesse ben diverse per il weekend azero.  Purtroppo per lui, però, il suo fine settimana è cominciato subito in salita per via di alcune noie tecniche accusate dalla sua VF-22.

Problemi per il team americano nella giornata di venerdì, con Mick Schumacher costretto ai box per tutte le FP1.

Per spiegare bene cosa è accaduto, l’acuta manifestazione del fenomeno del porpoising (dato dalla presenza di lunghissimi rettilinei e da un asfalto particolarmente sconnesso) ha fatto sì che la vettura numero 47 targata Haas soffrisse di un’eccessiva dispersione di liquidi.

Scendendo in particolari , inoltre, è risultato dalle ultime analisi fatte dal team che il forte impatto con un avvallamento abbia causato alla loro macchina l’apertura di una grande spaccatura sul fondo.

Nelle interviste post-sessione lo stesso Schumacher si è detto sorpreso dalle modalità con cui si sono insorti i suoi problemi tecnici:

Problemi per il team americano nella giornata di venerdì, con Mick Schumacher costretto ai box per tutte le FP1.

“Non ci sono stati segnali di avvertimento”, ha dichiarato. “Da quello che sappiamo tutto proviene dal forte rimbalzo che abbiamo subito nel primo giro che ha rotto uno dei morsetti del fondo da cui poi è fuoriuscita acqua, il che ovviamente non è eccezionale”.

“È la prima volta fisicamente che sento un porpoising così forte. È piuttosto duro da sopportare sia per la carrozzeria che per l’auto.

“E’ sicuramente qualcosa a cui pensare per il futuro per pensare a come risalire la china. Vedremo quante auto sopravviveranno alla gara”, ha poi terminato.

A spalleggiare il proprio pilota è stato anche il team principal Gunther Steiner, il quale ha esteso le proprie considerazioni a tutta la giornata in pista:

Problemi per il team americano nella giornata di venerdì, con Mick Schumacher costretto ai box per tutte le FP1.

“Le FP1 sono iniziate male con la perdita d’acqua sulla vettura di Mick , non poteva uscire a girare , il che non va bene su una pista come questa”, ha detto Steiner.

 “È successo qualcosa di strano e in realtà siamo fortunati che la stessa cosa non sia accaduta a Kevin perché fattivamente c’è mancato poco. Il problema ,però, lo abbiamo risolto in tempo per le FP2”.

L’ingegnere italiano ha poi concluso affermando che per la giornata di oggi la sua squadra ha già lavorato a un set up che metta a proprio agio i piloti all’interno della monoposto: vedremo se poi nei fatti sarà realmente così.

+ posts