F2 | Sprint Race Azerbaijan – Vince Vesti all’ultimo ma quanti incidenti

F2 | Sprint Race Azerbaijan – Vince Vesti all’ultimo ma quanti incidenti

11 Giugno 2022 0 Di corradopiogreggio

Davanti a tutti Vesti, seguito da Daruvala e Lawson. Drugovich chiude quinto mentre Pourchaire solo settimo.


Si è appena conclusa la Sprint Race di F2, la prima dei 2 appuntamenti sul circuito cittadino di Baku per la categoria cadetta. Gara calma nei primi 13 giri, caratterizzata solo dalla lenta e agonizzante perdita di posizioni per Hughes. La gara è esplosa negli ultimi 8 giri, con 4 incidenti e 3 safety car.


I primi 13 giri
Dopo la partenza, Vesti si presenta primo in curva 1 ma esce male e viene sopravanzato da Hughes e Daruvala. Nelle retrovie da segnalare un danneggiamento dell’ala anteriore di Doohan e una perdita di posizioni del francese Pourchaire che si ritrova al termine del primo giro in quattordicesima posizione.

Al quinto giro si è già creato un solco di 3 secondi tra il leader della gara Daruvala e gli inseguitori capitanati da Hughes. Tuttavia nel giro successivo Vesti si libera del pilota del team VAR con un grande sorpasso all’esterno di curva 3, diventando il primo inseguitore dell’indiano ma con un distacco di circa 4 secondi. Intanto, nelle retrovie, inizia la rimonta di Pourchaire che trova ritmo e sigla il giro veloce.

Al giro 8, dopo essere stato passato da Sargeant, Hughes viene scavalcato anche da Verschoor. Nel giro di pochi secondi assistiamo anche ai 2 lunghi di Iwasa e Cordeel, avvenuti in punti diversi del tracciato ma in simultanea.

Nel corso della decima tornata Pourchaire riesce a portarsi in nona posizione, ad un passo dalla zona punti detenuta da Vips, grazie ad una staccata a curva 2 con cui passa 2 piloti.


Una gara ad intermittenza
All’inizio del giro 14 Pourchaire decide di tentare l’attacco ai danni dell’estone Vips in curva 3. Hauger tenta un attacco improbabile e si stampa contro le protezioni esterne dopo un lungo bloccaggio. Entra in pista la Safety Car con conseguente annullamento dei distacchi.

La gara riprende alla sedicesima tornata. C’è giusto il tempo per un sorpasso, quello di Verschoor ai danni di Sargeant che lo porta in terza posizione, prima che in curva 2 Fittipaldi imiti Hauger mietendo però una vittima, Vips, che sarà costretto a ripartire dal fondo della classifica.

Grazie al contatto Pourchaire sale in zona punti subito dietro al rivale Drugovich che si trova in sesta posizione. Dopo la seconda ripartenza, al diciottesimo passaggio sul traguardo, Daruvala rischia di essere inghiottito dal gruppo: sopravanzato subito da Vesti in curva 1 per via di un suo errore, si ritrova affiancato a Verschoor in curva 2 ma resiste. L’olandese del team Trident si ritrova contro le barriere situate tra la pista e le gioiellerie della capitale azerbaijana, nuovamente safety car.

Davanti a tutti Vesti seguito da da Daruvala e Lawson, Drugovich chiude quinto mentre Pourchaire solo settimo


Si riparte all’ultimo giro e avviene il più classico degli incidenti a Baku: la pista ha un lunghissimo rettilineo e un imboccatura di curva 1 molto stretta che durante le ripartenze da safety car ha spesso mietuto vittime. In curva 1 si è verificato un incidente che ha coinvolto 4 piloti (Boschung, Williams, Sato, Bolukbasi)

Davanti a tutti Vesti seguito da da Daruvala e Lawson, Drugovich chiude quinto mentre Pourchaire solo settimo


Di seguito la classifica d’arrivo

Davanti a tutti Vesti seguito da da Daruvala e Lawson, Drugovich chiude quinto mentre Pourchaire solo settimo

+ posts