Horner duro sulla W13: “E’ da squalifica.”

Horner duro sulla W13: “E’ da squalifica.”

18 Giugno 2022 0 Di Giuseppe Ruffo

Il team principal Red Bull si scaglia contro Mercedes e le recenti azioni della FIA.

Il tema del porpoising è in particolar modo ricorrente in questo inizio di stagione, ma in questo fine settimana la questione ha preso banco in pianta stabile. Dalle FP1 svolte ieri , infatti, la FIA ha fatto sapere di star raccogliendo dati da tutti i team per poi stilare un limite massimo di oscillazioni che le vetture potranno compiere in uno specifico intervallo di tempo; a cui successivamente ognuno dovrà attenersi.

Il tutto nasce dal malessere alla schiena accusato da Hamilton a fine del gp di Baku, con Mercedes che ha esposto reclamo per salvaguardare la salute dei loro piloti.

Il team principal Red Bull si scaglia contro Mercedes e le recenti azioni della FIA.

Col senno di poi, molto probabilmente il team Tedesco si sarebbe guardato bene di esporsi in tal maniera, poiché la soluzione del problema proposta dalla federazione non farà che peggiorare ancor di più i problemi prestazionali di Mercedes e di numerose altre squadre.

In aggiunta, sebbene la propria squadra sia quella meno colpita dalla vicenda, il team principal Red Bull Christian Horner non ha perso l’occasione per esprimersi negativamente contro Toto Wolff e i suoi. In particolar modo il belga ha manifestato tutto il suo fastidio nei confronti dell’eccessiva flessibilità della FIA rispetto ai cambiamenti al regolamento chiesti da Mercedes.

Andiamo a sentire insieme le sue parole:

Il team principal Red Bull si scaglia contro Mercedes e le recenti azioni della FIA.

“Sono le stesse regole per tutti”, ha dichiarato ai microfoni di Sky. “Alcune auto hanno i problemi, altre no. Da parte di quelli che non sono riusciti a venire a capo del problema, inevitabilmente, ci sarà una spinta per cercare di far cambiare i regolamenti. “

“Questa è la natura del gioco, questa è la natura della Formula 1 e puoi capire che James (Alllison) e i suoi piloti inevitabilmente spingono per questo”.

Invece di cambiare le regole, Horner ha esortato la FIA a usare il pugno di ferro con le monoposto  che causano gravi disagi ai loro piloti, squalificandole.

“Sarebbe ingiusto avere effettivamente un vero e proprio cambio di regolamento a metà anno perché una squadra ha fallito nel suo lavoro”, ha detto.

“Se l’auto è pericolosa, dipende dalla FIA. Hanno a disposizione la bandiera nera. Se ritenessero che l’auto fosse pericolosa o inaccettabile per la sicurezza dei conducenti, avrebbero dovuto bandirla”.

Sembra proprio che la sfida tra Red Bull e Mercedes (in un modo o nell’altro) sia destinata a non finire mai.

+ posts