La scelta di Pirelli per il Gran Premio di Francia.

La scelta di Pirelli per il Gran Premio di Francia.

21 Luglio 2022 0 Di Nicola Cobucci

Per il Gran Premio di Francia, Pirelli ha scelto la sua gamma intermedia: la hard sarà la mescola C2, la medium la C3, la soft la C4: sono queste le tre gomme nominate per il weekend al Paul Ricard.

La sede del Gran Premio di Francia di F1 è un circuito ben bilanciato, dove c’è un po’ di tutto: curve veloci e rettilinei così come sezioni più lente e più tecniche. Tutto ciò genera un’energia di media gravità sugli pneumatici, motivo per cui è un buon circuito per i vari test. Con una larghezza di 12 metri, ci sono molte opzioni in termini di linee e sorpassi: tutte offrono una sfida interessante per i piloti.

Per il Gran Premio di Francia, Pirelli ha scelto la sua gamma intermedia: la hard sarà la mescola C2, la medium la C3, la soft la C4: sono queste le tre gomme nominate per il weekend al Paul Ricard.

Il rettilineo del Mistral, che prende il nome dal famoso vento francese, che può anche sconvolgere l’equilibrio aerodinamico delle vetture, ha anche il potenziale per raffreddare le gomme anteriori. Questo può incidere anche sull’ingresso della curva successiva, nonché la curva più impegnativa dell’intero circuito.

Le uscite al di fuori dalla pista sono assolutamente da evitare: le marcature tricolore rosse, bianche e blu contengono un materiale ad alto attrito progettato per rallentare rapidamente le auto, con alto rischio di sgonfiare le gomme.

La strategia vincente dell’anno scorso è stata una doppia sosta per Max Verstappen. È stata una scommessa perché è stato l’unico del gruppo di testa a fermarsi due volte, con i piloti alle sue spalle che si sono fermati solo una volta. Questa strategia ha dato i suoi frutti quando il pilota della Red Bull ha ripreso il comando un giro prima della bandiera a scacchi.

Per il Gran Premio di Francia, Pirelli ha scelto la sua gamma intermedia: la hard sarà la mescola C2, la medium la C3, la soft la C4: sono queste le tre gomme nominate per il weekend al Paul Ricard.

Come ogni weekend, andiamo a leggere le parole di Mario Isola e le sue aspettative per il fine settimana del Paul Ricard: “Il Gran Premio di Francia di quest’anno si svolge quasi un mese dopo rispetto allo scorso anno, quando ha piovuto domenica mattina, quindi è lecito aspettarsi temperature più calde. La generazione di pneumatici e mescole di quest’anno è diversa e più resistente al surriscaldamento rispetto alle versioni da 13 pollici utilizzate l’anno scorso, quindi dovremo vedere come ciò influirà sulla strategia. Un po’ di storia: il Paul Ricard è stato effettivamente il luogo in cui i nostri pneumatici da 18 pollici per l’era attuale hanno fatto il loro debutto, in un test con la Renault e Sergey Sirotkin nel 2019.”

+ posts