I respiratori sviluppati da Mercedes riducono la mortalità del 25%

I respiratori sviluppati da Mercedes riducono la mortalità del 25%

18 Marzo 2021 1 Di Nicola Cobucci
Tempo di lettura: 1 Minuto

La Formula 1 ha subito una sosta tra marzo e luglio 2020 a causa del coronavirus. I team hanno quindi deciso di aiutare nella pandemia e la Mercedes ha sviluppato respiratori a pressione positiva continua delle vie aeree – CPAP – che hanno raggiunto 15 paesi.

Queste maschere di ossigeno sono state sviluppate dal team insieme all’Università di Londra e alla University School of Medicine di detta università. L’obiettivo di questi dispositivi a basso costo è ridurre il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva e intubati, nonché i decessi per Covid-19.

Ad oggi, questi dispositivi CPAP hanno raggiunto più di 130 ospedali nel Regno Unito, Palestina e Uganda. Ma l’aiuto di Mercedes HPP non si è fermato qui. Più di 15 paesi dispongono di questa tecnologia, secondo il presidente e rettore dell’Università di Londra, il dott. Michael Spence. Tra questi paesi ci sono Messico, Paraguay, Ecuador, Colombia, Perù, Sud Africa o India.

Secondo Mervyn Singer, consulente di terapia intensiva presso la University of London School of Medicine, i risultati sono soddisfacenti. Grazie ai dispositivi CPAP come quelli realizzati da Mercedes, l’uso della ventilazione meccanica è diminuito del 26%, la permanenza in terapia intensiva del 50% e la mortalità del 25%.

“C’è stato un netto cambiamento nella pratica clinica in tutto il Regno Unito dall’inizio della pandemia, con un uso molto maggiore di CPAP, poiché gli ospedali hanno riconosciuto che questa era una strategia efficace e, soprattutto, ha risparmiato risorse di terapia intensiva per i pazienti più critici” , ha commentato in dichiarazioni raccolte dal sito web della Formula 1.

Tutti coloro che sono coinvolti nella costruzione di questi dispositivi hanno anche pubblicato le informazioni di produzione ed è disponibile online gratuitamente. Più di 1.900 team da 105 paesi hanno scaricato queste informazioni, quindi Mercedes e l’Università di Londra hanno influenzato non solo la sua creazione direttamente, ma anche indirettamente.

+ posts