Magnussen shock: “Williams mi voleva al posto di Russell a fine 2020.”

Magnussen shock: “Williams mi voleva al posto di Russell a fine 2020.”

5 Novembre 2021 0 Di Nicola Cobucci

Kevin Magnussen ha avuto una reale opportunità per proseguire la sua carriera in Formula 1 alla fine del 2020.

Dopo sei stagioni in Formula 1, Kevin Magnussen ha dovuto dire addio alla Formula 1 al termine della stagione 2020, quando Haas ha deciso di non estendere la collaborazione con il danese perché avevano bisogno di piloti che arrivassero con un sacco di soldi per la squadra.

Ma nel suo nuovo libro “All or Nothing”, uscito nelle librerie all’inizio di questa settimana, Magnussen rivela di aver effettivamente avuto una reale opportunità di rimanere in Formula 1 dopo il suo passaggio in Haas.

“Sono finito un po’ in una situazione di stallo in Formula 1, ma in realtà ho avuto l’opportunità di rimanere perché ero in contatto con la Williams. Tuttavia, sarebbe come tornare indietro nel tempo alla McLaren e alla Renault. Dovevo trovare molti sponsor per la Williams o dare loro un assegno adeguato” afferma Magnussen.

Kevin Magnussen ha avuto una reale opportunità per proseguire la sua carriera in Formula 1 alla fine del 2020.

Il danese rivela anche che è stato qualcosa di sorprendente per lui, quando Williams ha anche annunciato che lo voleva per sostituire il super talento britannico George Russell – e non Nicholas Latifi.

“Williams mi ha visto come un possibile sostituto di George Russell. La risposta è arrivata proprio dietro di me. “Che tipo di squadra è?” Ho pensato. Lasciare Russell e tenere Nicholas Latifi è stato ridicolo, pura idiozia” spiega Magnussen e continua: “George Russell è un mega-talento che ha vinto sia la GP3 che la Formula 2 nella sua prima stagione in quelle serie, e il britannico non dovrebbe lasciare la Formula 1. Se la Williams mi voleva, allora doveva lasciare fuori il canadese. Con George Russell avrei formato un’ottima line up nella mia ottica.”

Il danese ha poi affermato che i piani di Williams per sbarazzarsi di Russell e mantenere Latifi insieme alla parte finanziaria dell’accordo hanno comportato l’interruzione delle trattative con la grande squadra britannica.

+ posts