F1 | Gran Premio del Brasile: Alonso conquista le FP2

F1 | Gran Premio del Brasile: Alonso conquista le FP2

13 Novembre 2021 0 Di Ivan Mancini

Buona prestazione delle Alpine, entrambe in top-5. Mercedes in simulazione gara, mentre Ferrari e McLaren provano la gara sprint.
 

Dopo le qualifiche del venerdì, la Formula 1 è pronta a ritornare in pista per la seconda sessione di prove libere, tra le polemiche generali legate alla mancata decisione dei commissari. In attesa della “sentenza”, sulla Mercedes W12 di Hamilton viene montata un’ala posteriore vecchia in quanto la nuova è ancora sequestrata dalla FIA.

I primi piloti a scendere in pista (i due dell’Alfa Romeo e dell’Aston Martin) preferiscono iniziare questa seconda sessione con le gomme gialle; strategia diversificata in casa Haas, con Mazepin su gomma dura e Schumacher su gomma media. Il primo a provare la gomma soft è Pérez, seguito poi da Stroll, Norris e Ricciardo. Lo stesso Pérez, su gomma rossa, comincia a dettare il passo in 1:12.219, seguito a 5 decimi da Tsunoda su gomma gialla. Terzo russell che, a parità di gomma, sopravanza Leclerc di mezzo secondo, anche se il monegasco, molto probabilmente, gira con un carico maggiore di benzina. Va inoltre sottolineato che metà griglia (tra cui anche le due Mercedes) è ancora ferma ai box, quindi i tempi fatti registrare non sono del tutto veritieri. Le stesse frecce nere rifiutano di uscire dai box, in attesa di una tranquillità d’animo difficilmente raggiungibile considerando il contesto.

A quasi 20 minuti dall’inizio della sessione anche Max Verstappen torna a mettere le ruote sull’asfalto. Per l’olandese gomma rossa nuova che gli consente di girare in 1:12.102. Nel frattempo anche altri piloti scendono in pista consentendo di ottenere una classifica provvisoria più fedele. Gli ultimi a lasciare i box sono proprio gli alfieri della Mercedes, su gomma rossa; tempi alti per i due (circa 2 secondi in pù rispetto Verstappen) che, presumibilmente, sono impegnati a simulare il passo gara.

Il primo a scendere sotto il muro dei 12 secondi è Fernando Alonso. L’asturiano, con gomma rossa e circa 35 kg di benzina, riesce ad issarsi in prima posizione, precedendo Verstappen e il compagno di squadra. Gran prova di forza della Alpine che, nella gara sprint, avrà modo di dire la sua. Alonso non è l’unico a simulare la sprint race: a 12 minuti dallo scadere della sessione, anche altri piloti cominciano a ragionare in vista della mini gara che si terrà tra poche ore.

In tal senso, Ferrari dimostra un buon passo, migliore della McLaren a parità di mescola. I due alfieri della Rossa si collocano in ottava e nona posizione, con Sainz che si dimostra a proprio agio con la vettura, mentre Leclerc definisce “inguidabile” la macchina. Poco male per il monegasco che, nonstante questo piccolo problema, paga solo due centesimi dal compagno di squdra. Più sottotono le McLaren, fuori dalla top 10: Ricciardo in 12° posizione e Norris in 13°, separati da solo un decimo (a parità di gomma).

+ posts