Vasseur rivela le ragioni della scelta di Guanyu Zhou.

Vasseur rivela le ragioni della scelta di Guanyu Zhou.

16 Novembre 2021 0 Di Daniele Donzelli

Frédéric Vasseur ha spiegato i motivi dell’ingaggio di Zhou, sottolineando come il cinese stia facendo bene in Formula 2 in questa stagione. Guanyu sarà il primo cinese della storia a guidare in F1.

Il ballottaggio per quanto riguarda i sedili dell’Alfa Romeo è durato a lungo in questo 2021. Dopo l’annuncio di Bottas a settembre, si è finalmente giunti all’epilogo, non felice per l’italiano Antonio Giovinazzi, ma favorevole al cinese Guanyu Zhou, che esordirà in F1 nel 2022. I fans non hanno preso molto bene la decisione, etichettando Zhou come pilota pagante e sostendendo che Giovinazzi avrebbe meritato la conferma.

Il team principal dell’Alfa Romeo Vasseur ha concesso una lunga intervista a motorsport.com, in cui approfondisce diversi temi legati alla scelta dei piloti.

La questione Giovinazzi

Vasseur ha dovuto rispondere subito alla domanda più spinosa, quella su Giovinazzi. Ai più l’interruzione del rapporto tra l’italiano e l’Alfa Romeo è sembrato strano e piuttosto brusco. Il francese ha precisato come la scelta di Zhou sia legata all’apertura di un nuovo ciclo, visto il cambio di regolamento del prossimo anno:

“Dopo aver considerato tutti gli aspetti legati alla situazione, abbiamo scelto di puntare su Zhou. Antonio con noi ha disputato tre stagioni, alternando alti e bassi, come tutti. Non mi sono mai lamentato dei miei piloti e non lo farò ora. – ha sottolineato – Quando ci sono stati degli aspetti da chiarire con un mio pilota l’ho sempre fatto privatamente e non attraverso i media. Con noi Antonio è cresciuto, ma siamo alla vigilia di un nuovo ciclo per la Formula 1, una nuova sfida lanciata dai nuovi regolamenti tecnici, e considerando la nostra prospettiva era il momento giusto per un cambiamento”.

Giovinazzi, un problema (che non avevate visto) ha rovinato la sua gara

Vasseur difende Zhou: sta facendo bene in Formula 2

I fans non sono stati felicissimi dell’annuncio del cinese. Il passaggio alla massima categoria non sembra meritato, secondo una buona parte degli spettatori. Ovviamente, il team principal si è schierato in difesa del suo nuovo pilota, evidenziando le sue buone prestazioni in F2 quest’anno.

“La Formula 2 quest’anno è molto combattuta, e Guanyu è stato costantemente nelle prime posizioni conquistando vittorie, pole position e completando delle belle gare. Sta disputando una buona stagione indipendentemente da sé vincerà il titolo o meno.

F2, Bahrain: Zhou in pole, ma è sotto investigazione
Zhou alla guida della sua Uni Virtuosi in Formula 2

Vasseur ha sottolineato anche come Zhou abbia già guidato una vettura di Formula 1 quest’anno, ma la presenza al suo fianco dell’esperto Bottas gli sarà molto utile:

“Zhou ha avuto anche l’opportunità di guidare una Formula 1 durante la stagione, e questo lo ha aiutato ad acquisire esperienza in vista del passaggio definitivo il prossimo anno. Siamo alla vigilia di un cambiamento tecnico di grande portata, non ci sono molti test a disposizione ed iniziando a girare con una monoposto completamente nuova ci sono da mettere in conto dei problemi di affidabilità che potrebbero ridurre il tempo a disposizione in pista, perciò la confidenza con la macchina sarà fondamentale, così come l’aiuto che potrà dare Valtteri” ha affermato Frédéric.

Infine si è soffermato anche sulla questione marketing. Un pilota cinese in Formula 1 aprirà le porte della categoria all’importantissimo mercato della Cina, e il francese è convinto che questo sia un beneficio per tutto il Circus:

“L’arrivo di Zhou è ovviamente una grande opportunità sia per il marketing della nostra squadra che per i nostri sponsor. Più in generale credo che sia un’importante occasione per tutta la Formula 1, incluse le altre squadre, non solo per la nostra”.

F1, Frédéric Vasseur risponde a Giovinazzi: “La gara non è andata dalla sua  parte dopo la sosta” – OA Sport
Vasseur in conferenza stampa

Le alternative: sondato anche Piastri

Ovviamente, oltre al cinese sono stati contattati anche altri piloti da affiancare a Bottas, su tutti Piastri e Pourchaire. Vasseur ha reso pubblici i motivi per cui, alla fine, la scelta è caduta su Guanyu Zhou e non sui due sopra citati:

“Theo ha disputato due stagioni molto positive nel 2020 e 2021, lo scorso anno è riuscito a fare un ottimo lavoro [secondo in Formula 3], e quest’anno ha dovuto affrontare una sfida molto impegnativa come il passaggio in Formula 2. Anche qui sta svolgendo un gran lavoro, ma dobbiamo sempre tenere in mente che parliamo di un ragazzo che venti mesi fa era in Formula 4, e promuovendolo in Formula 1 il prossimo anno avremmo rischiato di bruciarlo, perché non sarebbe stato pronto” ha spiegato.

“Per quanto riguarda Piastri, abbiamo parlato, ovviamente, con Mark [Webber, il suo agente]. Alpine ha un progetto in corso con Oscar, vogliono puntare su di lui, perciò non abbiamo voluto prendere con noi un pilota sapendo che tra dodici mesi sarebbe potuto andare in un’altra squadra” ha concluso.

Non ci resta che aspettare e vedere che prestazioni potrà offrire il nuovo cinese dell’Alfa Romeo.

+ posts