Le Pagelle del Gran Premio di Miami: Verstappen c’è, disastro Alonso e Schumacher.

Le Pagelle del Gran Premio di Miami: Verstappen c’è, disastro Alonso e Schumacher.

9 Maggio 2022 0 Di Nicola Cobucci

Tempo di voti per i protagonisti del Gran Premio di Miami. La vittoria va a un super Max Verstappen, davanti a Charles Leclerc e Carlos Sainz.

Max Verstappen 9,5: Mezzo voto in meno solo per l’errore fatto in qualifica, unica macchia di un weekend di assoluto valore. Il resto è un assolo a senso unico, di quelli che solo i più grandi riescono a suonare. Non mostra il minimo segno di debolezza quando la Safety Car entra in pista e Leclerc si attacca come un parassita. Semplicemente perfetto.

Tempo di voti per i protagonisti del Gran Premio di Miami. La vittoria va a un super Max Verstappen, davanti a Charles Leclerc e Carlos Sainz.

Charles Leclerc 9: Nella prima parte di gara Verstappen ne ha troppo di più. Con le dure la situazione va meglio, il monegasco prova a recuperare ma non riesce ad attaccare e a sfruttare la Safety Car. Porta a casa un buon secondo posto, nonostante le premesse del sabato dicessero altro. Ottimo risultato, soprattutto pensando a quanto successo a Imola.

Carlos Sainz 7,5: Tentenna in partenza, lasciando forse la porta spalancata a Verstappen. Il doppio zero si fa sentire, l’importante era portare a casa dei punti e lo spagnolo ci riesce. Riesce a difendersi come può ad un depotenziato Perez.

Tempo di voti per i protagonisti del Gran Premio di Miami. La vittoria va a un super Max Verstappen, davanti a Charles Leclerc e Carlos Sainz.

Sergio Perez 7: Che qualcosa non andasse lo si è capito quando ha tentato quell’attacco disperato su Sainz. La velocità sul dritto – punto di forza della Red Bull – era troppo bassa a causa dei problemi ad un sensore del motore e il messicano non è riuscito a sfruttare le sue gomme medie nuove. Un vero peccato, poteva chiudere in seconda piazza. O sicuramente in terza. Sfortunato.

George Russell 8: La fortuna aiuta gli audaci citava un vecchio proverbio. Fa uno stint lunghissimo sulle hard in attesa di una Safety Car che effettivamente arriva. Si mette dietro Hamilton ancora una volta. È l’unico pilota ad aver concluso ogni Gran Premio in top-5. Come direbbe qualcuno..SCIAPO’.

Lewis Hamilton 7,5: Weekend in salita dopo le difficoltà di Imola. Come in Australia, finisce dietro al suo compagno di squadra solo ed esclusivamente a causa della Safety Car. Un vero peccato. Ma il sette volte campione non ne vuole ancora sapere di mollare.

Valtteri Bottas 7: Un piccolo errore gli costa quello che sarebbe stato almeno un sesto posto. Grande weekend da parte del finlandese, sempre più trascinatore dell’Alfa Romeo.

Gli altri in breve

Esteban Ocon 8: Parte ultimo, arriva ottavo. What else?

Alexander Albon 8: Ancora una volta, una prestazione degno di un vero top driver. Da diciottesimo a nono, a bordo di una Williams. Mentre il suo compagno di squadra arranca.

Lance Stroll 7,5: Ridendo e scherzando, nonostante partisse dalla pit-lane, si porta a casa un punticino importante per la classifica.

Fernando Alonso 4,5. Errori su errori, penalità su penalità per un Alonso poco lucido in quel di Miami.

Yuki Tsunoda 5,5: Piccolo passo indietro rispetto alle ottime uscite di Imola e Melbourne.

Daniel Ricciardo 5: McLaren che a Miami si riscopre nuovamente poco competitiva.

Nicholas Latifi 5: Basta guardare il confronto con il compagno di squadra, impietoso.

Mick Schumacher 4: Rovina un’ottima gara con un errore banale su Vettel. Poteva portare a casa punti importanti.

Kevin Magnussen 5: Si ritrova a bloccare tutti, in primis il suo compagno di squadra, perdendo un sacco di tempo.

Sebastian Vettel 7: La sua ottima gara viene rovinata da un’entrata senza senso di Schumacher.

Pierre Gasly 5

Lando Norris 3

Guanyu Zhou S.V.

+ posts