Celebrità nel paddock: Liberty Media sta andando nella giusta direzione?

Celebrità nel paddock: Liberty Media sta andando nella giusta direzione?

13 Maggio 2022 0 Di Nicola Sotgia

Secondo numerosi appassionati, la presenza delle star in griglia non gioverebbe allo spettacolo. Liberty Media sta sbagliando?

Liberty Media gestisce la Formula 1 da ormai sei stagioni. Nel corso del tempo, il lavoro svolto ha dato i suoi frutti. Dati alla mano, la crescita di spettatori è stata notevole. Il tutto è stato possibile grazie alle nuove strategie adottate, sbarco su Netflix docet. Non solo. Sin dall’entrata in Formula 1, Liberty Media è stata capace di attrarre numerose celebrità, la cui presenza in griglia di partenza non passa certamente inosservata. E qui scatta la nuova riflessione.

A quanto pare, la presenza delle star in griglia di partenza sembra aver perso il suo tocco magico. Infatti, secondo l’opinione di tantissimi tifosi, il tutto starebbe diventando superfluo. Di fronte alle celebrità, le telecamere della Formula 1 impazziscono. Le inquadrature sono spesso riservate ai divi o alle dive, portando lo spettacolo di piloti e vetture in secondo piano. Bodyguard e agenti intralciano sovente il lavoro dei cronisti, e Martin Brundle ne sa qualcosa.

Si sta tralasciando quale sia il focus principale

Il GP di Miami è stato l’apice del discorso (tra cui il costo altissimo dei biglietti). Il numero delle celebrità presenti era altissimo. Personaggi del calibro di David Beckham, Dj Khaled o Pharrell Williams per citarne alcuni, hanno catturato l’attenzione degli obbiettivi fotografici. La domanda è una sola. Liberty Media sta andando nella giusta direzione? Dare enfasi alle celebrità piuttosto che a piloti e monoposto non sembra il passo corretto.

Liberty Media Celebrità
David Beckham intervista nella griglia di partenza del GP di Miami

Interrompere l’inquadratura su un duello in pista a favore di camera per le celebrità è una grande assurdità. Il vero motivo delle corse è quello di dare spettacolo ai sorpassi e saziare chi paga l’abbonamento televisivo. Gli appassionati hanno bisogno di sapere i dettagli su una vettura piuttosto che su un’altra. Urge un cambio di rotta immediato.

Meno star e più interviste agli addetti ai lavori. Meno celebrità e più spazio a commenti specifici su aggiornamenti. La Formula 1 ha bisogno dello spettacolo, quello vero. Liberty Media, pensaci.

Seguici sui nostri canali social!

Sei un grande appassionato della Formula 1? Vuoi seguire tutte le news sulla Formula 1? Bene! Seguici sui nostri canali Instagram e Telegram! Nessun costo, tutto gratis. Mi raccomando, se ritieni interessanti i nostri articoli, condividili con chi vuoi. Buon proseguimento di lettura sul nostro sito!

Website | + posts

Appassionato della Formula 1 dei bei tempi.
Sempre al passo del Mondo d'oggi.