F1: Obiettivo regionalizzazione del calendario per il 2023.

F1: Obiettivo regionalizzazione del calendario per il 2023.

26 Maggio 2022 0 Di Nicola Cobucci

I capi dei team di Formula 1 hanno sostenuto i piani per la regionalizzazione del calendario 2023 nel tentativo di ridurre la quantità di movimento delle merci e i viaggi del personale.

Come rivelato da Motorsport.com, il CEO di F1 Stefano Domenicali ha confermato il piano di regionalizzazione alle squadre in un incontro a Barcellona sabato.

Sebbene il miglioramento delle credenziali di sostenibilità del campionato sia apparentemente la forza trainante della mossa, la razionalizzazione del programma ridurrà anche i costi per l’organizzazione di F1 stessa e per i 10 team in un momento in cui l’inflazione sta colpendo duramente.

Il calendario di quest’anno include diverse anomalie. Il viaggio a Miami all’inizio di questo mese come volo autonomo e l’imminente double-header che coinvolge Azerbaigian e Canada, che sono geograficamente molto distanti.

Per farlo funzionare alcune gare – forse anche Monaco – potrebbero essere obbligate ad allontanarsi dalle loro date tradizionali.

I capi dei team di Formula 1 hanno sostenuto i piani per la regionalizzazione del calendario 2023 nel tentativo di ridurre la quantità di movimento delle merci e i viaggi del personale.

“Penso che se guardi il calendario, abbia senso raggruppare insieme alcune gare”, ha detto Christian Horner quando gli è stato chiesto del calendario.

“Che si tratti di alcune gare americane, di alcune gare asiatiche, dell’Europa, ovviamente. Parte del calendario di quest’anno, quando guardi la sua geografia, dall’Azerbaigian a Montreal, andando in Australia per un fine settimana, è troppo costoso. Quindi penso che Stefano sia in sintonia con questo, ma ovviamente ha molte sfide con i diversi promotori per ottenere il calendario che desideri.”

Il team principal della Haas, Gunther Steiner, ha convenuto che fosse una buona idea se realizzabile. “Come sempre ci sono molte persone coinvolte e c’è molto lavoro da fare per rendere tutti felici”, ha detto a Motorsport.com riguardo alle sfide legate all’organizzazione del calendario della F1.

“Ma alla fine penso che per la sostenibilità sia una cosa fantastica. E poi se lo raggiungiamo, molte cose ne derivano, positive. Non ci sono aspetti negativi. È solo una cosa difficile da raggiungere.

Riguardo a un possibile cambiamento della data di fine maggio di Monaco ha affermato: “Dobbiamo stare al passo con i tempi. Niente c’è per restare per sempre, dobbiamo sempre cercare di essere attuali. Il mondo è cambiato molto negli ultimi 20 anni. Monaco iniziava sempre il giovedì, non il venerdì. Questo è il primo anno che lo facciamo venerdì e non cambierà nulla. Sembrerà che abbiamo sempre fatto così. Non sarà uno spettacolo peggiore, perché era solo una tradizione. È bello avere delle tradizioni, ma bisogna stare al passo con i tempi.”

+ posts