Problemi di assetto hanno reso la W13 di Hamilton inguidabile nelle FP1.

Problemi di assetto hanno reso la W13 di Hamilton inguidabile nelle FP1.

27 Maggio 2022 0 Di Nicola Cobucci

Toto Wolff afferma che un assetto delle sospensioni rigido utilizzato sulla W13 durante le prime prove libere è stato responsabile delle forti vibrazioni di cui si è lamentato Lewis Hamilton.

Lewis Hamilton ha concluso la prima ora di prove libere del Gran Premio di Monaco di questo fine settimana con il decimo tempo della sessione. Si è lamentato più volte dell’eccessivo bouncing che ha subito.

Mentre la Mercedes ha un problema ben documentato con il porpoising che si presenta ad alta velocità, il team principal Toto Wolff ha affermato – nelle parole riportate da RaceFans – che le difficoltà di Hamilton sono state causate dalle rigide impostazioni delle sospensioni dell’auto.

Wolff crede che se il team riuscirà a trovare una soluzione a questi problemi, sarà in grado di dimostrare di avere una “buona” macchina a Monaco questo fine settimana.

“Sembra che la nostra macchina funzioni, perché siamo stati veloci”, ha detto Wolff. “Forse non alla fine, dove avevamo la gomma dura e abbiamo fatto i long run. Nel complesso penso che sia una buona macchina, ma è semplicemente impossibile da guidare in questo modo.”

Toto Wolff afferma che un assetto delle sospensioni rigido utilizzato sulla W13 durante le prime prove libere è stato responsabile delle forti vibrazioni di cui si è lamentato Lewis Hamilton.

Il team cercherà di rendere la propria vettura più confortevole per i propri piloti, ha detto Wolff, lavorando sul set up nelle prossime due sessioni di prove libere.

“Penso che lavoreremo sul set-up, cercando di renderlo un po’ più divertente per loro”, ha detto.

Hamilton ha chiesto all’ingegnere di pista Peter Bonnington l’installazione di gomitiere nell’abitacolo per aiutarlo a far fronte alle vibrazioni dell’auto. Wolff ha scherzato dicendo: “se è veloce, gli faremo tutte le pastiglie di cui ha bisogno. Ci stiamo avvicinando in ogni caso, imparando sempre di più”, ha aggiunto Wolff. “Quindi è positivo.”

+ posts