Secondo Binotto i team devono aiutare i nuovi direttori di gara a crescere

Secondo Binotto i team devono aiutare i nuovi direttori di gara a crescere

16 Giugno 2022 0 Di Sebastiano Vanzetta

Il team principal di Ferrari Mattia Binotto crede che i team debbano cercare di aiutare i nuovi direttori di gara a migliorare.

Dopo il controverso caso del Gran Premio di Abu Dhabi del 2021, la FIA ha sollevato Michael Masi dall’incarico di direttore di gara della F1, puntando sul duo composto da Niels Wittich e Eduardo Freitas, già direttori di gara in altre categorie come l’Endurance o il DTM. I due direttori di gara, da quest’anno, sono inoltre supportati dal Remote Operations Centre, una sorta di VAR della F1.

Un cambio di rotta da parte della FIA che però non pare, finore, aver dato i risultati sperati. I team, infatti, non sembrano essere troppo soddisfatti dell’operato della nuova direzione gara, che sembra peccare di coerenza. Episodi come il controverso passaggio sulla linea bianca in uscita dai box di Max Verstappen a Monaco confermano tutto ciò.

Alcuni piloti come Valtteri Bottas pensano che “Un direttore di gara sarebbe meglio di due“, mentre Kevin Magnussen crede che ora “Sia più difficile capire veramente quali siano le regole”. Più duro, invece, il sempre fumantino Yuki Tsunoda che si è spinto in una critica abbastanza pesante. “Non ho fiducia nella FIA. Ogni volta è super incoerente. Ho già quattro reprimende e l’ultima che ho preso a Monaco ancora non l’ho capita”.

I due direttori di gara, Niels Wittich e Eduardo Freitas

Le parole di Binotto

Anche i team principal dei vari team non sembrano essere contenti dell’operato dei direttori di gara, anche se comprendono le difficoltà di Wittich e Freitas. Alla domanda sul tema postagli a Baku, Mattia Binotto ha dichiarato che, secondo lui, sarebbe giusto che i team aiutassero i direttori di gara nel loro lavoro durante i weekend.

Se penso all’inizio di stagione, certamente come team (Ferrari ndr) non possiamo essere contenti dell’operato dei direttori di gara. Penso che spesso abbiamo avuto uno svantaggio dalle decisioni prese, ma è così, non possiamo farci molto. Capiamo la difficoltà. Credo che se vogliamo che i direttori di gara migliorino dobbiamo aiutarli. Sono convinto che ci debba essere una collaborazione tra loro e i team per fare in modo che comprendano e che migliorino il più velocemente possibile”.

Non c’è dubbio che fino a qui ciò che è mancato è stata la coerenza nelle decisioni, penso che non si possa negare. Così come non si può negare che sia un lavoro difficile. Ci vorrà del tempo. Bisogna solo cercare di velocizzare il tutto il prima possibile”.

Un Binotto che quindi riconosce la difficoltà del lavoro dei direttori di gara ma che crede fermamente che una collaborazione possa velocizzare il processo di assestamento dei direttori di gara, così che si cominci ad avere più coerenza nelle decisioni.

Verstappen mentre sta per uscire dalla corsia box a Monaco oltrepassando con l’anteriore sinistra la linea gialla, episodio controverso che ha portato a molte proteste da parte di Ferrari

Il pensiero di Wolff e Steiner

Anche Toto Wolff e Günther Steiner si sono espressi in merito alla questione.

Come ha detto Mattia, quello di direttore di gara è un lavoro difficile perché hai sempre gli occhi puntati su di te. E di certo in situazioni come Monaco, dove devi gestire il meteo e poi devi ad un tratto prendere delle decisioni è molto, molto difficile. Penso che più le gare passino, più esperienza acquisiscono i direttori e più riescono a gestire la pressione della Formula 1. Ma essi sono parte di questo sport come lo sono i team. I team fanno errori come sbagliare la strategia o dimenticarsi una gomma ai pitstop. Allo stesso tempo anche i direttori di gara possono fare errori. È così per tutti” ha detto Wolff.

Steiner, invece, pensa che comunque l’operato dei due direttori di gara non sia stato fin qui malvagio. “Dopo la gara di Abu Dhabi dell’anno scorso, il direttore di gara è ancor più sotto i riflettori rispetto agli anni passati. Quindi tutti guardano ad ogni suo piccolo errore ed egli viene criticato più di prima e non è semplice. Dobbiamo solamente dare ai direttori di gara un po’ più tempo. Penso che miglioreranno. Per non aver mai diretto una gara di Formula 1 prima d’ora, stanno facendo un discreto lavoro”.

Seguici sui social!

Se non vuoi perderti le news sul mondo della F1 assicurati di seguirci sia sul canale Instagram che sul canale Telegram, dove troverai costanti aggiornamenti. E se vuoi saperne di più sul GP del Canada del prossimo weekend non perderti la nostra diretta Pre-GP alle ore 21.00 sul canale Instagram di Fuori Pista.

+ posts