Sebastian Vettel e la decisione sul futuro in F1: “È  tutto in sospeso”

Sebastian Vettel e la decisione sul futuro in F1: “È tutto in sospeso”

12 Luglio 2022 0 Di Davide Citterio

Vettel fornisce un nuovo aggiornamento sulla decisione inerente al suo futuro in Formula 1. Nella scelta, saranno fondamentali sia l’Aston Martin che la sua famiglia.

Restano solamente due Gran Premi, quello di Francia e quello di Ungheria, prima della pausa estiva. Sebastian Vettel ha confermato che sfrutterà le prossime settimane di pausa per pensare maggiormente a quello che sarà il suo futuro in Formula 1.

Il contratto del pilota tedesco, impegnato con Aston Martin, scadrà alla fine di quest’anno. Sebastian ha ormai 35 anni e la sua vettura, purtroppo, non è decisamente competitiva.
La scuderia britannica, infatti, si trova al nono posto in classifica mondiale con 18 punti, di cui 15 sono stati segnati proprio da Vettel.

Il team principal di Aston Martin, Mike Krack, ha riconosciuto che sarebbe “sciocco” perdere un quattro volte campione del mondo, che – con la sua esperienza – potrebbe sicuramente aiutare il team a crescere.

Tuttavia, bisogna vedere se Sebastian è disposto ad impegnarsi per un altro anno con la sua attuale scuderia.

La decisione è ancora in sospeso, ma ci penserò nelle prossime settimane“, ha detto Vettel in un’intervista all’emittente tedesca Sport1 .

“Certo, dipende anche dalla direzione in cui si sviluppa la macchina [e] da quanto potenziale vedo nella squadra.

“Ho già sottolineato più volte che voglio lottare per i punti, ma anche per le vittorie. Altrimenti il ​​divertimento è perso.

“Quindi, nelle prossime settimane, insieme alla mia famiglia, dovrò capire quanto sono realistici i miei obiettivi e quanta energia sento ancora dentro di me per continuare a crescere insieme alla squadra”.

Sebastian Vettel

Seb potrebbe rimanere in F1, cambiando scuderia?

Sebastian Vettel ha iniziato la sua ascesa nel mondo della F1 nel lontano 2007, al volante della BMW Sauber, per sostituire l’infortunato Robert Kubica.

La Red Bull ha notato che quel ragazzino aveva talento, e ora possiamo dire che nella scuderia di Milton Keynes ci avevano visto lungo. Vettel, infatti, dopo un breve periodo in Toro Rosso, passò alla scuderia Red Bull Racing nel 2009. Il tedesco vinse il titolo mondiale l’anno successivo, poi nel 2011, 2012 e 2013; per un totale di quattro titoli mondiali consecutivi.

Successivamente, nel 2015, il pilota si trasferì in Ferrari, dove però non ebbe fortuna. Nel 2021, Sebastian decise, dopo sei stagioni passate a guidare per la scuderia italiana, di passare dal team di Maranello all’Aston Martin.

Viene, quindi, spontaneo porsi una domanda: Vettel potrebbe rimanere in F1, se si trasferisse in una scuderia più competitiva?

Il quattro volte campione del mondo ha risposto a questo quesito, affermando che non ha in mente di trasferirsi altrove.

“Non ci sto pensando in questo momento”, ha chiarito. “L’Aston Martin è il mio primo punto di contatto e il progetto che voglio portare avanti“.

Sebastian Vettel guida l'Aston Martin AMR22
+ posts