Mike Krack (Aston Martin): “Difficoltà nel capire la nostra vettura”

Mike Krack (Aston Martin): “Difficoltà nel capire la nostra vettura”

14 Luglio 2022 0 Di Ivan Mancini

Mike Krack, Team Principal Aston Martin, spiega perché gli aggiornamenti introdoti sull’AMR22 non hanno funzionato. Le motivazioni risiederebbero in un’errata comprensione dell’auto.
 

Mike Krack, Team Principal Aston Martin, ha spiegato perché l’importante aggiornamento non ha avuto il successo che speravano. Il pacchetto di aggiornamenti in questione è stato introdotto durante lo scorso GP di Spagna, causando molte discussioni all’epoca poiché alcune modifiche, soprattutto quelle riguardanti le fiancate e il coperchio del motore, ricordavano la Red Bull RB18. La FIA ha però scagionato l’Aston Martin poiché, guardando i progetti consegnati alla Federazione, non sussisteva l’ipotesi di plagio.

Mike Krack
Mike Krack

In termini di impatto sulla pista, però, Krack ammette che gli aggiornamenti non sono stati sufficienti per risolvere i problemi di fondo della vettura. “Gli aggiornamenti hanno funzionato. Ci hanno consentito di fare un passo avanti, ma non è stato sufficiente poiché i problemi di base dell’auto non sono stati risolti” ha detto Krack in un’intervista riportata da RacingNews365.com.

Tutto gira attorno alla comprensione dell’auto” ha poi asserito Krack proseguendo l’intervista. E, ovviamente, tutto gira attorno al forte porpoising che le nuove vetture ad effetto suolo sono costrette ad affrontare. Appena una settimana fa, poco prima del GP d’Austria, Krack aveva ribadito la difficoltà nel comprendere appieno la AMR22. “Solo per fare un esempio, quando la macchina ha problemi di porpoising, le gomme accumulano molta energia. Ciò cambia completamente il modo in cui impostare la macchina, sia sull’asciutto che sul bagnato. Se guardi ad inizio campionato, in alcune gare siamo stati molto forti sul bagnato. Ora, invece, abbiamo affrontato due sessioni in cui non lo eravamo. Questo, a dire il vero, non lo capiamo ancora: ci sono un paio di punti che dobbiamo ancora capire“.

 

Uno sguardo al prossimo anno

Guardando al 2023, Krack riconosce che il team dovrà trovare il giusto equilibrio tra l’auto dell’anno prossimo e quella della stagione attuale. “È una scelta molto difficile. Ovviamente non vogliamo finire la stagione nella situazione in cui siamo ora, ma non vogliamo nemmeno pregiudicare il prossimo anno. Arrivati a questo punto dobbiamo valutare attentamente cosa possiamo fare per migliorare la situazione in cui siamo, senza compromettere la macchina del prossimo anno” ha ammesso Krack. “Ci sono molte discussioni con i nostri ingegneri. Dobbiamo trovare il giusto equilibrio ma penso che i tecnici siano sulla buona strada“.

+ posts