F1 | Pirelli Preview – GP d’Italia: il tempio della velocità!

F1 | Pirelli Preview – GP d’Italia: il tempio della velocità!

30 Agosto 2023 0 Di Sebastiano Vanzetta

È tempo di Monza! Il tour europeo del Circus si chiude con il Gran Premio di Italia, lì dove ha casa anche Pirelli. Tutto nella Preview!

Con il prossimo weekend termina la parte “europea” di campionato della F1. Come sempre, per finire in bellezza si va a Monza, il tempio della velocità e, tra l’altro, circuito a pochi km dalla sede di Pirelli. E proprio di gomme parliamo, come al solito, nella nostra Preview dedicata!

Caratteristiche della pista

Credits: Pirelli Media Press

Al contrario di Zandvoort, la parola d’ordine a Monza è scaricare. Sì, perché il tempio della velocità richiede giustamente una configurazione aerodinamica scarica per raggiungere altissime velocità di punta. E dunque non c’è da stupirsi se il livello di downforce è pari a [1], ovvero il livello minimo.

Basso livello anche per quanto riguarda le forze laterali [2], dal momento che ci sono tanti rettilinei. Gli pneumatici più sollecitati in questo senso saranno l’anteriore sinistra e la posteriore destra. Il grip, nonostante la pista sia molto utilizzata durante l’anno, non è alto [2] e dunque bisognerà fare molta attenzione ad estrarre quanta più trazione possibile dalle vetture in uscita di curva, per avere migliori velocità di punta alla fine dei rettilinei. Anche se, non è una condizione indispensabile a Monza e quindi li livello è [3].

A [3] anche l’abrasività dell’asfalto nonché l’evoluzione della pista durante la sessione. Molto importante sarà la frenata [4], un dettaglio facilmente intuibile dalle difficili staccate che i piloti sono costretti a fare per rallentare le loro monoposto, soprattutto alla Prima Variante e alla Seconda Variante, così come all’ingresso della Ascari. Considerato il tutto, lo stress sugli pneumatici è [3].

Questa è la pista dove, di solito, si corre con la configurazione aerodinamica più bassa possibile” dice Mario Isola. “Si cerca di privilegiare la velocità di punta diminuendo il drag. I fattori che mettono di più alla prova le gomme sono la frenata e la trazione, soprattutto in uscita dalle due chicane. Non bisogna però sottovalutare i carichi esercitati in curve veloci come la parabolica”.

A Monza verranno percorsi un totale di 53 giri. La lunghezza del circuito è di 5,793 km e la distanza totale percorsa in gara sarà di 306,72 km. Il giro record in gara appartiene a Rubens Barrichello, che nel 2004 ha messo a referto un tempo di 1:21.046.

Le scelte di Pirelli

Credits: Pirelli Media Press

Per il Gran Premio d’Italia, Pirelli ha deciso di portare la sua gamma più morbida, dunque la mescola C3 come gomma dura, la C4 come gomma media e la C5 come gomma morbida. Anche perché il degrado non sarà elevato, e storicamente a Monza si è sempre corso con le mescole più morbide.

Questo weekend, inoltre, sarà il secondo con l’ATA, la Alternative Tyre Allocation già vista in anteprima in Ungheria. I piloti, in qualifica, dovranno quindi usare obbligatoriamente solo la gomma dura per il Q1, solo la gomma media per il Q2 e solo la gomma morbida per il Q3. Come dice Isola, ciò permetterà utilizzare due set di pneumatici in meno a pilota.

Il GP d’Italia sarà la seconda opportunità, dopo l’Ungheria, per sperimentare il sistema alternativo di allocazione delle gomme che permette di utilizzare due set di gomme in meno rispetto al formato standard, con un beneficio in termini di emissioni risparmiate in fase di produzione e di trasporto. Ciò può offrire anche un ventaglio di soluzioni in termini di strategia più ampio alle squadre e ai piloti. Anche per questo motivo abbiamo deciso di portare a Monza il tris di mescole più morbido”.

Sulle pressioni minime al via Pirelli indica un minimo di 24,5 psi per l’asse anteriore e 22,5 psi per l’asse posteriore. Il limite di campanatura, invece, si attesta su -3,00° all’anteriore e -2,00° al posteriore.

Infine, dopo il gran premio sono in programma due giorni di test con Alpine e Red Bull. I due team scenderanno in pista martedì e mercoledì per testare pneumatici da asciutto per l’anno prossimo.

Seguici sui canali social!

Sei un grande appassionato della Formula 1? Vuoi seguire tutte le news? Bene! Seguici sui nostri canali Instagram e Telegram! Mi raccomando, se ritieni interessanti i nostri articoli, condividili con chi vuoi. Buon proseguimento di lettura sul nostro sito!

+ posts