Alex Marquez: “Perdevo 7 secondi nei primi 3 giri”

Alex Marquez: “Perdevo 7 secondi nei primi 3 giri”

20 Febbraio 2021 0 Di Alessandro FDC
Tempo di lettura: 4 Minuti

Alex Marquez, dopo il passaggio da Repsol a LCR Honda ha commentato così la sua prima stagione in MotoGP:  “Perdevo 7 secondi solo nei primi 3 giri, gap che poi era impossibile da recuperare nel resto della gara”.

I test e lo sviluppo

“Questo pre-campionato sarà molto strano perché proveremo solo su una pista, per poi svolgerci due gare. Ne usciremo pazzi dopo questo doppio round in Qatar! Tanti giri, troppi giri, in quella pista!” ha scherzato Alex Marquez.

Alex avrebbe dovuto trascorrere il 2020 tranquillamente, all’ombra del fratello maggiore e del campione in carica Marc dall’altra parte del box. Invece, l’infortunio al braccio di Marc a Jerez e le difficoltà iniziali della Honda con il nuovo pneumatico posteriore portato da Michelin hanno fatto sì che Alex si trovasse presto sotto pressione per sviluppare la moto.

“In quel periodo, non mi sentivo preparato per essere in quella posizione, onestamente. Ma ora mi sento meglio e credo di poter ricoprire quel ruolo. La preseason sarà importante per la Honda perché abbiamo molte cose da provare. Quindi cercherò di dare il massimo sin dall’inizio e di aiutare la squadra a prendere la strada giusta”.

Marquez, prevede di iniziare a provare nuovi pezzi dal secondo giorno in Qatar, anche se il congelamento del motore significa che ci si aspetta più un’evoluzione piuttosto che una rivoluzione.

Il motore e il 2020 di Alex

“Abbiamo molta potenza, ma dobbiamo usarla tutta, ha spiegato Marquez. “È quello che stanno chiedendo tutti i piloti Honda, perché in alcune piste non possiamo usare tutta la potenza a causa dell’aderenza. È questo il punto in cui stiamo spingendo di più, ma penso che Honda abbia le idee molto chiare a proposito”.

La stagione 2020 di Alex Marquez è suddivisa in due parti: prima e dopo i test di metà stagione di Misano.

“Sono stato una sorpresa nella seconda parte della stagione perché la prima non è stata molto buona. Non è stato un disastro, ma un momento difficile per me. La seconda parte è stata davvero buona. Stavo migliorando giorno dopo giorno, ha detto lo spagnolo .

Quel miglioramento è culminato in due podi consecutivi a Le Mans e Aragon, ma Marquez ha sottolineato il fatto che non è stata solo una svolta della moto.

“La moto non è cambiata molto durante la stagione”, ha detto. “È vero che a Misano nei test abbiamo fatto davvero un grande passo in avanti, ma non così tanto come si diceva.”

“E ‘un’evoluzione naturale che ogni pilota attraversa nel suo primo anno in MotoGP, si devono imparare molte cose. Ero più fiducioso e le sensazioni erano incredibili”.

Cose da migliorare nel 2021

“Per quest’anno penso che la Honda si sia concentrata di più sui dettagli, dato che non possono cambiare il motore. Quest’anno avremo una moto molto simile, ma con evoluzioni dalla seconda parte dell’anno scorso.”

“Può essere davvero una buona moto. So che la Honda ha lavorato molto duramente quest’inverno e avrà nuovi pezzi da provare in Qatar. Spero che quelle nuove parti funzioneranno”.

Per quanto riguarda la sua prestazione, il numero 73 sa di dover fare meglio in qualifica, non essendo riuscito nemmeno ad entrare in Q2 fino ad Aragon (dove dall’11° posto in griglia è arrivato fino al secondo posto).

Ciò a sua volta significa che Marquez ha concesso troppo tempo ai primi nelle fasi iniziali.

“Sono stato competitivo sulla maggior parte delle piste la domenica, ma tutti avevano un ritmo simile e ho perso molto tempo nei primi giri”, ha detto Marquez. “Abbiamo calcolato che in alcuni punti stavo perdendo 4 secondi nel primo giro e 7 nei primi 3. Questo distacco è impossibile da recuperare in gara. Quindi devo migliorare in qualifica, oltre che capire meglio le gomme”.

“Vengo da molti anni con la Dunlop in Moto2 e la Michelin è una cosa diversa. Quando i pneumatici sono nuovi devi essere aggressivo ma allo stesso tempo fluido. È qualcosa da cui devo trarre più vantaggio. Mi concentrerò su questo in preseason facendo qualche time attack”.

Alla presentazione online, Cecchinello ha esordito: “Abbiamo tutti gli ingredienti per vincere le gare, onestamente. Un pilota di grande talento, un ottimo staff tecnico e un grande supporto da parte della Honda”.

“Di sicuro LCR vuole risultati, Honda vuole risultati, io voglio risultati”, ha detto Marquez. “Andremo su piste dove non sono mai stato con una MotoGP. Sicuramente ci saranno giornate difficili ma abbiamo un buon pacchetto e una buona squadra. Penso che possiamo fare davvero un ottimo lavoro. La prima cosa che voglio è essere davanti e ripetere i migliori risultati dello scorso anno”.

Seguimi su Fan del Cavallino

+ posts