F1 | Gp Belgio – Max Verstappen vince un surreale GP del Belgio

F1 | Gp Belgio – Max Verstappen vince un surreale GP del Belgio

29 Agosto 2021 7 Di Ivan Mancini

A seguire podio a sorpresa per George Russell, terzo Lewis Hamilton. I riflettori, però, sono puntati sulla disastrosa direzione gara.
 

Il valzer delle partenze posticipate e la lunga attesa

Cambia giorno, ma non cambiano le condizioni meteo: la pioggia battente, che ha condizionato le qualifiche del sabato, costringe a ritardare di 10 minuti l’inizio della gara. La pista, infatti, è inagibile e l’incidente di Perez ne è la conferma più evidente. Trascorsi i 10 minuti, la direzione gara fissa la partenza alle 15:20, in attesa di un miglioramento meteorologico previsto dai radar; miglioramento che, tuttavia, tarda ad arrivare. L’odissea dunque non ha fine: la partenza viene prima rimandata alle 15:25, poi addirittura sospesa, in quanto i due giri di formazione dietro la Safety Car hanno confermato l’impraticabilità della pista a causa della visibilità ridotta. La situazione va a vantaggio di Perez, in quanto i meccanici Red Bull riescono a riparare la monoposto del messicano consentendogli di partire dalla pit lane.

Nel frattempo viene fatto partire il countdown della durata di due ore entro le quali far terminare la gara. Il tempo scorre, ma la situazione non accenna a migliorare: il radar mostra come la perturbazione sia ferma sul circuito ed è destinata a rimanere tale per i prossimi 45 minuti.

A 58 minuti dallo scadere del tempo la direzione gara decide di stoppare il countdown. La gara, qualora dovesse disputarsi, può dunque superare il limite delle 18:00 – 3 ore previste dal regolamento – per una durata massima di un’ora. In tal caso la gara, non coprendo il 75% della distanza totale, vedrà assegnare ai piloti punti dimezzati. Scende in pista la Medical Car, ma le condizioni dell’asfalto non sembrano essere migliorate. Si decide dunque di aspettare un nuovo aggiornamento meteo previsto per le 17:45, che poi viene procastinato alle 17:55, alle 18:00 e successivamente alle 18:05.

Immagini fornite dal radar

Dopo una trepidante attesa di oltre 3 ore arriva la decisione ufficiale: la gara partirà alle ore 18:17 con rolling start.

 

La partenza (definitiva) e l’ennesima bandiera rossa

Alle ore 18:17 viene aperta la pit lane e le monoposto si accodano alla Safety Car, compiendo due giri. La visibilità continua ad essere un grosso problema – soprattutto a centro gruppo – e per tale motivazione viene esposta la bandiera rossa, che costringe i piloti a rientrare nuvamente ai box. L’unico a rimanere in macchina è Sebastian Vettel che probabilmente credeva in una ripartenza; a 39 minuti dalla fine, peò, il tedesco batte bandiera bianca e rientra ai box.

 

La fine e la classifica finale

In maniera del tutto anonima, anomala e a tratti controversa, Max Verstappen vince il GP del Belgio, seguito da George Russell e Lewis Hamilton. Come da regolamento, ai piloti viene assegnato metà punteggio in quanto sono stati disputati i due giri minimi.

Tempi e classifica disponibili sul sito www.formula1.com

+ posts