Ricciardo euforico dopo Monza: “Non ho mai perso la speranza”

Ricciardo euforico dopo Monza: “Non ho mai perso la speranza”

13 Settembre 2021 2 Di Riccardo Frattarelli

Si dice che la speranza sia l’ultima a morire. Per Daniel Ricciardo la frase di origine latina è più che azzeccata. Dopo la prima metà di stagione complicata, arriva il “bottino grosso” per il pilota australiano: vittoria e giro veloce nel “Tempio della Velocità”.

“Vincere a Monza significa tutto”. Così Ricciardo ha commentato la propria perfetta prestazione nel Gran Premio d’Italia.

Cerco di non far dipendere la felicità della mia vita da questo sport. Anche perché sono passati tre anni e mezzo dal mio ultimo successo, sarei piuttosto infelice se basassi la mia felicità solo sulle gare in cui ho trionfato. Quando però si riesce a trionfare, un risultato del genere ne vale la pena per tutti quei giorni da frustato. è per questo che amiamo questo sport: la sensazione di una vittoria è impagabile.”

Dopo tutte le critiche ricevute nel 2018 per aver lasciato una scuderia vincente come la Red Bull, a cui si sono aggiunte quelle causate dal suo divorzio con Renault solo dopo due anni di collaborazione, la prima parte di stagione non è stata sicuramente un idillio per Daniel. Spesso messo in ombra dal più giovane compagno di squadra Lando Norris, Ricciardo non ha mai mollato: “è pazzesco. Quest’anno ci sono stati dei bassi, ma non ho mai perso la fede e la convinzione di poter fare bene.”

Ricciardo ha anche affermato che la pausa estiva ha giovato per la sua super prestazione: “Avevo bisogno di fare un passo indietro e avere un po’ di tempo per me.”

Grazie alla vittoria ottenuta, Daniel potrà esaudire uno dei suoi sogni: guidare la Chevrolet Monte Carlo 1984, vettura della leggenda NASCAR Dale Earnhardt, macchina di proprietà del CEO McLaren Zak Brown, che ad inizio anno promise a Ricciardo un test drive in pista dopo il primo podio raggiunto dal pilota australiano: “Mi ha sempre detto: podio=potrai guidarla. Non abbiamo mai parlato di vittoria, ma ora ha un debito con me” ha scherzosamente dichiarato Ricciardo riguardo le sue promesse con Brown. “Avere la possibilità di mettersi alla guida di una delle sue vetture sarà uno di quei momenti speciali” ha sottolineato Daniel.

“The Honey Badger”, ovvero Ricciardo, ha voluto concludere con un pensiero rivolto a Senna: “Quando penso a McLaren, penso ad Ayrton. Ho visto i trofei nell’armadio dell’MTC e avere un trofeo vincente ora con il mio nome, praticamente nello stesso armadio, è pazzesco.”

+ posts