Norris spiega il motivo dello strano testacoda nei box di Sochi

Norris spiega il motivo dello strano testacoda nei box di Sochi

24 Settembre 2021 0 Di Alessio Donzelli

Lando Norris ha commentato il suo testacoda all’entrata della Pit Lane durante la prima sessione di prove libere del GP russo, spiegando come ci sia stato un problema al motore. Il britannico si trova bene con la macchina, ma ovviamente non al livello di Monza.

La McLaren viene da una straordinaria doppietta nella gara italiana tenutasi a Monza 2 settimane fa. Le caratteristiche del circuito hanno favorito le prestazioni del team di Woking, che è molto veloce sui rettilinei e difficile da sorpassare. Le sensazioni del venerdì russo non possono chiaramente essere le stesse, e per Norris c’è stata una complicazione in più. Rientrando nella corsia box a fine sessione Lando ha perso la monoposto urtando le barriere con l’ala anteriore, che si è danneggiata. Un errore banale, verrebbe da pensare in un primo momento, ma l’inglese ha notato un problema al motore.

Posso dire che non è stata colpa mia. Era un problema con il motore. Non è stata colpa mia, non è stato un testacoda imbarazzante ma non ideale e ovviamente ho danneggiato l’ala anteriore, che non è quello che volevamo.” ha detto Lando, come riportato da gpfans.com. Una situazione del genere va certamente verificata in casa McLaren, al fine di evitare che accada nuovamente in gara.

Le sensazioni di Norris

Il pilota della McLaren stamattina ha girato in 1:35.959 a 1 secondo e mezzo dalla vetta, piazzandosi in 8° posizione. I miglioramenti sono stati evidenti nelle Prove Libere 2, quando ha segnato un 1:34.154, 4° miglior tempo della sessione, a poco più di mezzo secondo dal leader Valtteri Bottas. Delle modifiche alla macchina hanno aiutato Norris: “Penso che l’intera giornata sia stata un po’ altalenante. Abbiamo faticato un po’ in FP1, ma abbiamo apportato alcune modifiche alla vettura per le FP2 ed è migliorata, e ora abbiamo una sensazione migliore in vista di domani e domenica”.

Ci sentiamo bene ma a volte non così veloci perché alcuni punti di forza che avevamo a Monza non si sono mostrati qui e ci sono invece alcuni nostri punti deboli” ha poi continuato. Anche se le sensazione del weekend italiano sono impareggiabili, Norris nel complesso ritiene positiva la giornata: “Mi sento ancora relativamente bene, ma questo non sempre si traduce in un tempo reale sul giro. Non direi che siamo competitivi come a Monza, questo è certo. Ma ho ancora una sensazione decente e possiamo ancora essere competitivi rispetto a Ferrari e AlphaTauri e i nostri reali avversari.

+ posts