Nikita Mazepin: “Mio padre pronto ad acquistare un team”

Nikita Mazepin: “Mio padre pronto ad acquistare un team”

28 Settembre 2021 0 Di Sebastiano Vanzetta

Nel weekend che vede la conferma in Haas di Mick Schumacher e Nikita Mazepin, quest’ultimo ha ammesso che per suo padre il sogno di acquistare un team di F1 potrebbe avverarsi in un futuro non troppo lontano.

In Haas, si sa, la situazione finanziaria non è delle migliori. D’altronde anche Guenther Steiner poco tempo fa ha ammesso che, se non avesse scelto i piloti che attualmente corrono per la scuderia, essa avrebbe rischiato seriamente di non correre la stagione 2021. Questo perché uno dei due piloti è Nikita Mazepin. Il russo è il figlio del magnate Dmitry Mazepin, azionista di maggioranza e presidente della Uralchem. L’azienda chimica russa, attraverso una ricca sponsorizzazione (sulle monoposto appare il logo della controllata Uralkali), ha permesso a Nikita di correre in F1, e alla Haas di continuare il suo percorso nel motorsport.

Dmitry Mazepin, padre di Nikita e presidente della Uralchem

Dmitry però, non si accontenta di avere proprio figlio in F1. In passato aveva tentato di imporre un nuovo team principal in Haas, ed era stato collegato alle possibili acquisizioni sia della Williams che della Racing Point. Mazepin Senior sembra quindi sognare di acquistare e gestire un proprio team.

L’ha ammesso anche i figlio in un’intervista alla Bild durante il weekend del GP di Russia: “Per mio padre acquistare un team sarebbe un’opzione interessante. Qualsiasi cosa ha toccato è diventata oro. Io però sono fedele alla Haas, quindi se dovesse comprare un team, sarebbe curioso vedere le loro prestazioni. Spero di batterli”. Il russo della Haas continua dicendo: “Non escluderei neppure di lasciare la Haas per unirmi a un suo possibile nuovo team, ora corro in una scuderia decima su dieci posizioni in classifica costruttori. Ma ribadisco, sono leale e voglio avere successo in Haas“.

Mazepin ha poi rivendicato le sue qualità di pilota. “Ho un posto in Formula 1 perché sono un pilota e il team mi vede come una risorsa. La sponsorizzazione Uralchem c’è perché l’azienda vede la F1 come un’opportunità per nuovi affari. Essendo l’unico pilota russo è naturale che un’azienda russa voglia investire in un team dove corre un connazionale”.

Nikita, assieme a Mick Schumacher, sarà al volante della Haas anche per la stagione 2022.

+ posts